Coronavirus. Dal 4 maggio la Fase 2: sì agli incontri con familiari. Negozi chiusi fino al 17

Dal 4 maggio l’Italia entrerà ufficialmente nella Fase 2. Ad illustrare i dettagli di cosa sarà permesso o meno fare dal prossimo lunedì è stato il premier Giuseppe Conte, durante una conferenza stampa trasmessa in diretta sulla sua pagina Facebook e sulle tv nazionali.

«Il 4 maggio inizia per tutti la Fase 2, la fase di convivenza col coronavirus. In questa nuova fase la curva del contagio potrà risalire in alcune aree del Paese – ha dichiarato Conte. Questo rischio c’è e dobbiamo affrontarlo con metodo e con rigore. Se vuoi bene all’Italia devi evitare che il rischio di contagio si diffonda. La prima regole è la distanza di sicurezza di almeno un metro. Vogliamo tutti che il Paese riparta ma l’unico modo è non ammalarci, rispettare la distanza sociale. Se non rispettiamo le precauzioni la curva salirà e aumenteranno i nostri morti.

Se ami l’Italia mantieni le distanze

Ci aspetta una sfida molto complessa e comprendo che molti di voi vorrebbero un definitivo allentamento delle restrizioni. Potremmo prendercela con chiunque ci capiti a tiro, con l’Europa, col Governo, oppure possiamo scacciare via rabbia e risentimento e pensare a cosa ciascuno può fare per consentire una più rapida ripresa. Nei prossimi mesi dobbiamo rimboccarci le maniche».

Coronavirus: cosa prevede la Fase 2

Il nuovo Dpcm entrerà in vigore lunedì 4 maggio e sarà valido fino al 18 maggio.

Gli spostamenti

Non sarà ancora possibile uscire dalla propria Regione, se non per gli ormai noti motivi (lavoro, salute e compravate necessità). «Aggiungiamo la possibilità di spostamenti mirati a far visita a congiunti. Saranno visite fatte nel rispetto della distanza di sicurezza, con l’adozione di mascherine e con divieto di assembramento. Non sono consentiti party privati e riunioni di famiglia. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione e residenza, anche se prevede lo spostamento da una regione ad un’altra».

Attività motoria

Si potrà tornare a fare attività sportiva all’aperto, senza più il limite di rimanere nelle vicinanze della propria abitazione. Bisognerà però rispettare la distanza di almeno 2 metri. Se si vuole svolgere semplice attività motoria, invece, basterà un metro di distanza. Saranno consentite le sessioni di allenamento degli atleti ma sempre nel rispetto delle norme di distanziamento sociale.

Funerali

Dal 4 maggio si potrà tornare a celebrare i funerali, con mascherine e rispettando le misure di distanziamento sociale. Potranno partecipare un massimo di 15 persone. Le altre cerimonie religione sono ancora vietate ma nelle prossime settimane potrebbero esserci nuove variazioni.

Bar e ristoranti

Bar e ristoranti potranno fare attività di ristorazione da asporto, oltre alle consegne a domicilio che sono già consentite. «Ma che nessuno pensi che davanti a bar e ristoranti si possano creare assembramenti – tuona Giuseppe Conte. Si entrerà uno alla volta e il cibo dovrà essere consumato a casa, non fuori dall’attività di ristorazione».

I negozi

Dal 4 maggio riapre tutto il settore manifatturiero, delle costruzioni e dell’ingrosso funzionale alle costruzioni. «È un passaggio importante – sottolinea il premier. Dovranno rispettare un sofisticato protocollo di sicurezza».

Il 18 maggio è prevista la riapertura del commercio al dettaglio. Rimangono naturalmente valide tutte le aperture delle attività commerciali previste dagli scorsi Dpcm. Sempre il 18 è prevista la riapertura di musei, mostre e biblioteche.

«Il 1° giugno – conclude Giuseppe Conte – è la data in cui vorremmo aprire bar e ristorazioni, parrucchieri e centri estetici». 

Per conoscere tutti i dettagli e dare risposta alle domande che sicuramente nasceranno dopo questa conferenza stampa, non rimane che attendere la pubblicazione del testo ufficiale del nuovo Dpcm.

(4110)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *