Coronavirus. Agli anziani la pensione la portano i Carabinieri: il nuovo servizio di Poste Italiane

poste italianePensione consegnata direttamente a casa, a richiesta, per i pensionati dai 75 anni in su. Grazie all’accordo tra Poste Italiane e i Carabinieri, per tutta la durata dell’emergenza coronavirus, saranno proprio le Forze dell’Ordine a consegnare a domicilio la pensione agli anziani per evitargli di dover uscire casa per recarsi negli uffici postali.

A comunicarlo è Poste Italiane che, con una nota, spiega: «L’accordo è parte del più ampio sforzo messo in atto dai due partner istituzionali, ciascuno nel proprio ambito di attività, per contrastare la diffusione del Covid-19 e mitigarne gli effetti, anche mediante l’adozione di misure straordinarie volte ad evitare gli spostamenti fisici delle persone, ed in particolare dei soggetti a maggior rischio, in ogni caso garantendo il mantenimento della distanza interpersonale di almeno un metro. L’iniziativa permette anche di tutelare i soggetti beneficiari dalla commissione di reati a loro danno, quali, truffe, rapine e scippi».

Ma vediamo, nel dettaglio, come funziona la consegna a domicilio delle pensioni, chi può usufruirne e chi no.

Poste Italiane: come funziona la consegna a casa della pensione

La consegna della pensione a domicilio è un servizio offerto da Poste Italiane in collaborazione con i Carabinieri ed è stato istituito appositamente per questo periodo di emergenza legato al coronavirus.

Chi può accedere al servizio e come

Il servizio è indirizzato ai 23mila pensionati di età pari o superiore a 75 anni ed è effettuato su richiesta. Per accedervi occorre telefonare al numero verde 800 55 66 70, messo a disposizione da Poste Italiane, o chiamare la più vicina Stazione dei Carabinieri. Saranno i Carabinieri a ritirare le pensioni presso l’ufficio postale per poi consegnarle al domicilio dei beneficiari che ne abbiano fatto richiesta a Poste Italiane rilasciando un’apposita delega scritta.

Chi non può accedere al servizio

Sono esclusi dal servizio:

  • coloro che non abbiano compiuto i 75 anni di età;
  • coloro che abbiano già delegato ad altri la riscossione della propria pensione;
  • coloro che possiedano un libretto o un conto postale;
  • coloro che vivono con i familiari o nelle vicinanze dei familiari.

(365)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *