Coronavirus, a Messina eseguiti oltre 1.000 tamponi in modalità drive in a studenti e docenti

drive in tamponi per l'asp di messina al parcheggio dello stadio san filippo (franco scoglio)A Messina sono stati effettuati – in modalità drive in – oltre mille tamponi rapidi anti-coronavirus al personale docente e non docente degli Istituti scolastici superiori del territorio comunale, oltre che alla popolazione scolastica e ai familiari.

L’iniziativa di screening è stata promossa dall’assessorato regionale alla Salute in collaborazione con l’ANCI Sicilia e si è avvalsa del supporto logistico della Città Metropolitana di Messina per mezzo del Servizio di Protezione Civile, del Servizio Prevenzione e della Polizia Metropolitana.

Proseguono, quindi, le operazioni regionali di monitoraggio anti-coronavirus, con l’utilizzo di tamponi rapidi. Stavolta tocca alle scuole. Hanno eseguito i test rapidi, infatti, gli Istituti scolastici “Ainis”, “Seguenza”, “Archimede”, “Jaci”, “Maurolico” ed “Antonello”.

I test sono stati effettuati nello spazio antistante l’Istituto Minutoli, grazie al coinvolgimento della Città Metropolitana di Messina, del Dirigente prof. Pietro La Tona, del Referente Asp dott. Carmelo Crisicelli e del personale specialistico che ha effettuato i tamponi.

Anche a Messina tamponi anti-coronavirus

A Messina i tamponi rapidi effettuati in modalità drive in sono stati 1187 con un numero di 35 positivi. Nel dettaglio:

  • sabato 7 novembre sono stati 515 i tamponi fatti con 12 positivi
  • domenica 8 novembre 672 i tamponi eseguiti con 23 positivi

A tutti coloro che sono risultati positivi al test è stato praticato l’ulteriore tampone molecolare per l’eventuale conferma della positività riscontrata.

«L’interesse per questa importante collaborazione – dicono Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, presidente e segretario generale ANCI Sicilia – è già stato sottolineato dalla grande partecipazione dei sindaci alla videoconferenza di presentazione dell’iniziativa svoltasi due settimane fa.

Presto potranno aderire anche i comuni di minore dimensione demografica che stanno già lavorando per trovare le aree da destinare all’esecuzione del test. Rivolgiamo un invito a tutti i cittadini anche per il tramite dei sindaci  – conclude Orlando – affinché aderiscano a questa campagna.

Si tratta di un modello già ampiamente sperimentato e ancora in atto con successo alla Fiera del Mediterraneo di Palermo. Solo in questo modo sarà più semplice individuare i casi positivi e intervenire in via preventiva con l’obiettivo di alleggerire la pressione sulle strutture ospedaliere e a tutela della salute di tutti».

(1387)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *