foto di un portachiavi a forma di casa e soldi, simboleggiante il contributo o rimborso per affitto a messina

Contributo affitto per i cittadini stranieri: domande entro il 2 settembre. Ecco come fare

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Entro mercoledì 2 settembre è possibile richiedere al Comune di Messina il Contributo integrazione affitto per l’anno 2018 per i cittadini stranieri che risiedono in Italia da almeno cinque anni. Vediamo, punto per punto, quali sono i requisiti richiesti e come presentare domanda.

L’avviso è pubblicato sul sito di Palazzo Zanca, comprensivo di bando e modulo per presentare l’istanza in PDF (scaricabile qui). Il contributo è previsto dalla “Legge 9 dicembre 1998 n. 431 art. 11 – Fondo nazionale per il sostegno all’accesso delle abitazioni in locazione – Determinazione degli adempimenti per consentire ai conduttori di alloggi in locazione di beneficiare dei contributi integrativi assegnati per l’anno 2018”.

Gli interessati potranno presentare istanza esclusivamente presso il front- office di Palazzo Satellite entro le ore 12.00 di giorno 2 settembre 2020.

Contributo affitti per i cittadini stranieri: chi può fare domanda

Come specificato sul sito del Comune di Messina, possono richiedere il contributo:

  • i cittadini stranieri muniti di permesso di soggiorno annuale o di permesso di soggiorno UE e residenti da almeno 5 anni sul territorio italiano.
  • i cittadini stranieri titolari, per l’anno 2018, di un contratto di locazione per uso abitativo regolarmente registrato.

Specifica inoltre il Comune che: “Non devono accedere alla procedura coloro che sono già in possesso dei requisiti previsti dal bando (possesso del certificato storico di residenza da almeno dieci anni sul territorio nazionale o cinque anni nella Regione Siciliana) per l’accesso alle misure di sostegno delle abitazioni in locazione con scadenza giorno 13 maggio 2020 e che abbiamo presentato la relativa istanza entro la predetta scadenza”.

Requisiti

Per richiedere il contributo occorre presentare certificazioni da cui risultino valore ISEE, valore ISE e l’incidenza del canone annuo sul valore ISE.

  • Fascia A: Per ottenere il contributo occorre possedere un reddito del nucleo familiare non superiore alla somma di due pensioni minime INPS, che, per l’anno 2018, è di 13.192,92 euro, rispetto al quale l’incidenza del canone risulti non inferiore al 14%;
  • Fascia B: Per ottenere il contributo occorre avere un reddito annuo complessivo 2018 del nucleo familiare, non superiore a quello determinato per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica nell’ambito della Regione Siciliana, pari a 15.151,45 euro, rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti non inferiore al 24%.

Per quel che riguarda, più nello specifico, i requisiti, si rimanda al bando disponibile a questo link.

(411)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.