Concerti allo Stadio San Filippo. Fdi: «Una follia, parleremo con Scattareggia»

Anche Fratelli d’Italia prende posizione contro la decisione dell’assessore Scattareggia di non fissare già da ora una data per i concerti di Ultimo e di Tiziano Ferro, in calendario allo Stadio San Filippo per quest’estate ma rimandati a causa del coronavirus. «Messina non può perdere i grandi eventi – commenta Pasquale Currò. Parleremo con l’Assessore.

«Pensare di mandare alle ortiche una programmazione relativa a due eventi che Messina è pronta ad ospitare e per i quali c’è moltissima attesa sarebbe una follia», così il coordinatore di Fratelli d’Italia della città metropolitana di Messina, Pasquale Currò, intervenendo nel merito alla polemica infiammatasi circa la decisione dell’amministrazione comunale di non concedere il rinvio dei due concerti al 2021.

«Proprio qualche giorno fa, l’assessore Regionale Manlio Messina ha incontrato gli Organizzatori Professionali di Spettacoli siciliani e insieme si è discusso delle iniziative da porre in essere per sostenere una strategia che veda anche negli eventi dell’estate ’21 un momento di ripartenza fondamentale per il comparto.

«L’estate del prossimo anno sarà determinante – prosegue – e non possiamo precluderci la possibilità di una garanzia quale quella che oggi rappresenterebbero due show come quelli di Ferro e Ultimo, amatissimi dal pubblico, in virtù di una presunta possibilità di pregiudicare un bando di affidamento che, mi spiace evidenziare, ancora neanche esiste».

«Prendiamo tutto ciò che possiamo di positivo – conclude Pasquale Currò – e, mattone su mattone, cerchiamo di ricostruire dando possibilità a dei settori fondamentali (come quelli che, a pioggia avrebbero ricadute importanti, dalle strutture ricettive, alla ristorazione) di trarre il meglio dalle chance di cui già oggi possiamo dare certezza. Sto personalmente cercando di parlare direttamente con l’assessore Scattareggia perché Fratelli d’Italia ha una posizione chiara in tal senso: non solo questi due eventi vanno autorizzati ma anzi crediamo che la loro realizzazione vada supportata in ogni modo possibile».

(370)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *