Città Metropolitana. De Luca attacca Orlando e la sua proposta per le ex province

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Cateno De Luca critica aspramente la proposta presentata da Leoluca Orlando, presidente di ANCI Sicilia, per risolvere la crisi delle ex province dell’Isola e attacca duramente il Sindaco di Palermo invitandolo a dimettersi se la sua intenzione è quella di “salvare alcune ex province e affossarne altre”.

Già stamattina durante la protesta svoltasi sotto il Palazzo della Regione, a Palermo, il sindacalista del CSA Santino Paladino aveva commentato negativamente la proposta in questione: «Non possiamo accettare – ha dichiarato – il decreto legge predisposto dall’ANCI perché salverebbe 5 province su 9. Siamo tutti nella stessa barca e ritengo che questo non possa essere accettato». Tra le 4 escluse ci sarebbe anche Messina.

Gli fa eco, dalla propria pagina Facebook, sulla quale ha condiviso il link dell’intervento di Paladino, il sindaco metropolitano Cateno De Luca, che sottolinea: «Se il Presidente di ANCI Sicilia, Leoluca Orlando, vuol giocare una partita per salvare alcune ex province ed affossarne altre è meglio che si dimetta subito – ha tuonato. Noi siamo abituati a fare gioco di squadra e non a giocare “a futti cumpagni”!».

Di contro, secondo quanto affermato dal sindaco di Messina «la soluzione legislativa concordata con il sottosegretario dell’Economia Alessio Villarosa e consegnato all’onorevole Matilde Siracusano ed alla senatrice Urania Papateu», sarebbe la scelta ideale perché consentirebbe di mettere in salvo tutte e 9 le ex province, oggi liberi consorzi e città metropolitane.

«Chiedo a tutti i parlamentari siciliani che siedono a Roma – ha concluso Cateno De Luca – di pretendere dal Governo Nazionale un decreto enti locali di urgenza oppure un emendamento al decreto in discussione al Senato su quota 100 e reddito di cittadinanza».

(600)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.