Cateno De Luca sindaco in maschera: in tenuta “Casa di Carta” per il blitz a Villa Quasimodo

Tuta rossa e mascherone di Dalì, qualcuno da “La Casa di Carta” è approdato a Messina per un colpo – o meglio per un “blitz” – a Villa Quasimodo, dove da diversi giorni sono impiegati i ragazzi dei cantieri di servizio. Ma nulla da temere, nessuna rapina in programma, era solo il sindaco Cateno De Luca.

Di ritorno dalla fisioterapia, il Primo Cittadino della Città dello Stretto, che non è certo nuovo a entrare in scena plateali (qualcuno ha detto “zampogna”?), ha deciso di “sorprendere” i ragazzi impegnati a rimettere a nuovo Villa Quasimodo (la villetta che si trova di fronte all’hotel Royal) con il suo nuovo outfit.

«Ho controllato l’andamento dei cantieri di servizi – ha commentato il sindaco De Luca– ed i ragazzi sono tutti volenterosi». Insomma, tutto sembra procedere per il meglio, anche se, ha proseguito: «Invito/diffido chi di competenza a dotare tutti i cantieri del materiale necessario per il regolare svolgimento delle attività».

Quindi, tutto bene, in linea generale, ma c’è ancora qualche intoppo. Gli attrezzi e il materiale ci sono, ma evidentemente non per tutti, quindi occorrerà rimediare, anche se, precisa ancora il Primo Cittadino: «Sono pochi i ragazzi ancora sprovvisti dei materiali necessari».

Insomma, la mattinata – e la settimana – del sindaco di Messina Cateno De Luca sembra essere iniziata col piede giusto, così come il lavoro dei ragazzi impiegati nei cantieri di servizi, nonostante qualche piccolo inconveniente.

(5047)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *