Cateno De Luca annuncia il suo ritorno e sfida il PD: «Presentate la mozione di sfiducia»

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Il sindaco di Messina Cateno De Luca torna a parlare, spiega la sua assenza, attacca i consiglieri comunali del PD e li sfida a presentare una mozione di sfiducia nei suoi confronti. Ma non solo, annuncia la data del suo ritorno e quali saranno i prossimi passi, una volta che sarà rientrato nel Palazzo.

Dopo un’assenza iniziata lo scorso 8 maggio e un lungo silenzio, il primo cittadino torna a parlare alla città e interviene nel dibattito in corso nelle ultime ore, non risparmiando accuse e critiche ad alcuni consiglieri comunali e all’Amministrazione che lo ha preceduto.

La sfida ai consiglieri: «Presentate una mozione di sfiducia»

Nei giorni scorsi Felice Calabrò, Gaetano Gennaro, Alessandro Russo e Antonella Russo del PD avevano chiesto spiegazioni «istituzionali e trasparenti» circa l’assenza del sindaco Cateno De luca da Messina in un momento delicato per la città e avevano sottolineato come questa assenza fosse, secondo loro, «non più tollerabile».

Dopo la risposta della Giunta sul sito istituzionale del Comune, a parlare, tramite i social, è il sindaco stesso: «Sentivo la necessità di qualche chiarimento. Ritengo ingiuste le strumentalizzazioni che alcuni consiglieri comunali di Messina, una piccola frangia del PD”.

«I consiglieri hanno un’arma – prosegue –, possono presentare la mozione di sfiducia contro di me. Lo facciano e a settembre si va a votare. Li sfido a presentare la mozione di sfiducia contro il sindaco De Luca. Non c’è un solo atto fermo per l’assenza del sindaco. Io da qui mi occupo e continuo a occuparmi della città. Quando rientro sarò pronto a confermare il mio impegno indiscusso per la città di Messina».

Cateno De Luca: «Questi sono i motivi della mia assenza»

Dopo l’attacco, De Luca entra nel merito dei motivi della sua assenza, spiegando che si tratta di questioni familiari: «Mi sono assentato l’8 maggio perché mio padre è grave e ho sentito la necessità da figlio di stargli vicino. Ho colto la conclusione del periodo emergenziale per andare al capezzale di mio padre. Questo è il motivo della mia assenza».

Detto questo, il Sindaco è tornato ad alzare i torni e ad attaccare i consiglieri comunali che avevano chiesto spiegazioni sulla sua assenza: «Consiglieri comunali, avete fatto passare il messaggio che io per l’assenza al Comune utilizzo l’alibi di mio padre e per incontrare Salvini, invece, la malattia di mio padre non è stata un impedimento. E non è vero, non ho incontrato Matteo Salvini».

L’attacco ad Accorinti e a Cambiamo Messina dal Basso

Infine, l’attacco alla Giunta Accorinti e a Cambiamo Messina dal Basso: «Non rispondo a chi è stato prima di me nel Palazzo. Palazzo in cui la loro presenza è stata asseverata dalla loro incapacità di amministrare Messina. Sono vigliacchi, l’anno scorso li ho sfidati a confronto sulla mia relazione e non sono venuti. Le macerie che hanno lasciato in città sono sotto gli occhi di tutti i messinesi».

La data del rientro di Cateno De Luca

Infine, il sindaco Cateno De Luca ha annunciato che rientrerà a Messina il 5 luglio: «Il 5 rientro, sto lavorando sulla relazione sull’attività nel mio secondo anno di mandato. Come l’anno scorso, dibatteremo in consiglio comunale di quanto fatto in questo periodo».

(1107)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Scusa se ti fanno la mozione di sfiducia e poi poverino tuo padre continua a star male , lei grande persona sensibile megalomane cosà deciderà di fare ? stare al capezzale? oppure continuerà a sbraitare in giro ? Conoscendolo sicuramente dirà che lo farà per suo padre , andrà a sbraitare ne sono certo e sicuro!!! Prova ad essere più responsabile e meno egoista , lo faccia sopratutto per suo padre , anche perchè lei perde il pelo ma non il vizio .

  2. Dimettiti: la tua amministrazione fa pena: la carta delle doglianze è strapiena. E le tue ripetute assenze fanno pensare male, anche se si fa peccato, ma il più delle volte si indovina.

  3. Faresti meglio a dimetterti: la carta delle doglianze è ormai piena. Non sei credibile ed è così evidente che soltanto i muccalapuni possono crederti. E, ormai, le tue già più ripetute assenze, alternati a un iperattivismo immotivato, non possono che far pensare male, anche se si fa peccato, ma il più delle volte si indovina.

  4. CMDB siete stati incapaci a governare. Non sapete criticare. A RICITTATIVI

error: Contenuto protetto.