carro attrezzi rimozione Messina

Carro attrezzi in azione a Provinciale, Cucè: «Si autorizzi la sosta lungo la linea tranviaria»

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Consentire di parcheggiare lungo la linea tranviaria di via Catania: questa la proposta della III Municipalità per andare incontro alle esigenze dei commercianti di Provinciale. A spiegare la situazione e il perché di questa proposta è il presidente della Circoscrizione, Lino Cucè: «Non potevamo restare insensibili davanti alle lamentele di chi già vessato dalla crisi e dai rincari si trova a dover fare i conti con il servizio di carro attrezzi ormai da settimane attivo nella zona di provinciale».

Facciamo un passo indietro. Da tempo i commercianti di Provinciale, in particolare quelli della zona vicina a Palazzo Palano lamentano l’impossibilità per i clienti di parcheggiare nelle vicinanze. Molti lasciano l’auto lungo la linea del tram, per poi vedersela rimossa dal carro attrezzi di ATM, perché in divieto. Tale circostanza porta spesso i potenziali clienti a prediligere altre zone, e quindi altri negozi. La III Circoscrizione ha allora promosso un incontro tra gli esercenti e l’Azienda Trasporti di Messina con l’obiettivo di trovare una soluzione.

A fare una sintesi è il presidente della III Circoscrizione: «Ferma restando la necessità del servizio di rimozione coatta delle autovetture messo in campo da Atm – spiega Cucè –, servizio che spesso serve a liberare la strada per far procedere gli autobus non di rado bloccati dalla presenza di mezzi in doppia fila, non possiamo trascurare le numerose lamentele che ci sono pervenute in questi giorni da parte dei commercianti della zona, già vessati da crisi e rincari. Ecco perché abbiamo convocato una seduta straordinaria per mettere a confronto tutti i soggetti coinvolti e provare a trovare una soluzione al problema, che possa conciliare le esigenze di viabilità con la necessità di lavorare delle piccole aziende presenti a Provinciale».

La soluzione? La Circoscrizione propone di autorizzare la sosta, a fronte di un pagamento di 50 centesimi l’ora, lungo la parte di via Catania antistante Palazzo Palano. Questo anche in considerazione del fatto che nella tratta è già prevista eliminazione di un binario del tram  che potrebbe consentire l’allargamento della carreggiata. «Questo – spiega Cucè – permetterebbe di decongestionare l’area e consentirebbe ai commercianti di lavorare in serenità».

In attesa di inoltrare a chi di competenza una nota ufficiale con cui chiedere di attuare la proposta, la Circoscrizione chiede la rimozione della fermata dei bus situata davanti Palazzo Palano, in maniera tale da recuperare 15 metri di sosta per le auto, vista la vicinanza delle altre fermate.

(Foto di repertorio)

(945)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.