seduta da uno psicologo

Bonus psicologo 2024: tutto quello che c’è da sapere

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Si chiama “Contributo per sostenere le spese relative a sessioni di psicoterapia”, il cosiddetto bonus psicologo che sarà possibile richiedere da oggi, lunedì 18 marzo, fino al 31 maggio 2024. Il beneficio è rivolto ai possessori di ISEE inferiori ai 50.000€. Alla scadenza verranno elaborate delle graduatorie ai destinatari del beneficio in base alle risorse disponibili. Verrà data priorità alle persone con ISEE più basso, in base all’ordine di arrivo della domanda.

Perché un bonus psicologo?

Il Covid-19 ha portato con sé sentimenti di timore, incertezza per il futuro, ansia, stress, perdita di lavoro e in conseguenza di ciò si è visto un notevole aumento nelle richieste di assistenza psicologica. Inizialmente il bonus psicologo era un contributo di 600€ rivolto a chi aveva un ISEE inferiore a 50.000€. Il bonus è stato confermato nell’ambito della Legge di Bilancio 2023 ma i fondi sono stati tagliati in modo significativo. I requisiti per riceverlo e gli importi sono stati modificati: è riconosciuto un contributo massimo di 50€ a seduta, ma l’importo massimo a cui si ha diritto varia dai 500€ ai 1500€ in modo proporzionale alla fascia ISEE.

Come presentare la domanda?

Tutte le informazioni riguardanti il bonus psicologo 2024 sono contenute nella Circolare INPS n. 34 del 15 febbraio 2024.

Al momento di presentazione della domanda bisogna essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Essere residenti in Italia
  • ISEE in corso di validità, con valore non superiore a 50.000€.

Per inoltrare le domanda bisogna avere delle credenziali SPID, CIE o CNS. La domanda va presentata in via telematica alla voce “Contributo sessioni psicoterapia” con una delle seguenti modalità:

  • Dal portale web, utilizzando l’apposito servizio online dal sito www.inps.it direttamente dal cittadino tramite SPID di livello 2 o superiore;
  • tramite Carta di Identità Elettronica (CIE) 3.0;
  • tramite Carta Nazionale dei servizi (CNS) dalla sezione “Prestazione e servizi” < “Servizi” < “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche”;
  • tramite il Contact Center Integrato, chiamando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164, 164 ( da rete mobile a pagamento, in base alla tariffa dai diversi gestori).

Il richiedente del bonus psicologo INPS può presentare domanda per sé stesso o per un minore se esercente la responsabilità genitoriale o è tutore affidatario. Il bonus può essere richiesto anche per conto di un soggetto interdetto, inabilitato o beneficiario dell’amministrazione di sostegno, dal tutore, curatore e amministratore di sostegno.

I requisiti ISEE per ottenere il bonus psicologo 2024

Il comunicato n°58 del 23 novembre pubblicato sul portale del Ministero della Salute ha diffuso i requisiti ISEE per ottenere il bonus psicologo nel 2024 chiariti dal decreto attuativo:

  • 1.500€ per redditi con ISEE inferiore ai 15.000€ (fino a 50€ a seduta)
  • 1000€ per redditi con ISEE tra 15.000€ e 30.000€ (fino a 50€ a seduta)
  • 500€ per redditi con ISEE superiore a 30.000€ ma inferiore a 50.000€ (fino a 50€ a seduta).

Come sapere se ho ottenuto il bonus psicologo 2024?

La risposta arriverà tramite SMS e/o email ai recapiti indicati dai beneficiari alla sezione “MyINPS” del portale dell’Istituto o sarà consultabile alla sezione “Ricevute e provvedimenti”.

Per prenotare le sedute di terapie, il beneficiario riceverà un codice univoco da presentare a uno tra gli psicoterapeuti aderenti all’iniziativa. Il bonus psicologo 2024 si potrà usare da specialisti privati iscritti all’albo degli psicologi e nell’elenco degli psicoterapeuti, anche per prenotare sedute con uno psicologo online.

L’elenco completo dei professionisti sarà consultabile sempre sul sito INPS. Per presentare la domanda per il bonus psicologo 2024 basterà cliccare a questo link.

Il beneficiario ha 270 giorni di tempo dalla data del messaggio che comunica il completamento delle graduatorie per usufruire del bonus utilizzando il codice univoco.E poi? Trascorso questo termine, le risorse non utilizzate saranno riassegnate ai nuovi beneficiari da individuare in base alla graduatoria INPS regionale o provinciale.

(280)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.