Bonus Mamma domani 2021: i requisiti e come richiederlo

Pubblicato il alle

5' min di lettura

L’Inps conferma il Bonus Mamma domani 2021, il premio nascita dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale destinato alle mamme e soprattutto ai bambini, indipendentemente dal reddito Isee. La misura è prevista già dal 2017 e prevede un contributo pari a 800 euro.

Il Bonus Mamma viene corrisposto dall’INPS per la nascita o l’adozione di un minore, su domanda della futura madre, al compimento del settimo mese di gravidanza o alla nascita, adozione o affidamento preadottivo del bambino. Il premio non concorre alla formazione del reddito complessivo di cui all’articolo 8 del Testo Unico delle imposte sui redditi.

Vediamo quali sono i requisiti per fare domanda e come richiederlo.

Bonus Mamma 2021: i requisiti per fare domanda

Il Bonus Mamma domani 2021 è rivolto alle donne in gravidanza o alle madri che rispondano a uno dei seguenti requisiti:

  • compimento del settimo mese di gravidanza;
  • parto, anche se antecedente all’inizio dell’ottavo mese di gravidanza;
  • adozione nazionale o internazionale del minore, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge 4 maggio 1983, n. 184;
  • affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi dell’art. 22, c. 6, l. 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34, l. 184/1983.

Il beneficio è concesso in un’unica soluzione per ogni evento (gravidanza, parto, adozione o affidamento) e in relazione a ogni figlio nato, adottato o affidato.

Bonus Mamma 2021: come richiederlo

La domanda per il Bonus Mamma 2021 deve essere presentata all’Inps tramite una delle seguenti modalità:

  • servizi telematici accessibili direttamente dalla richiedente, attraverso il servizio dedicato;
  • Contact Center (numero 803 164, gratuito da rete fissa, oppure 06 164 164 da rete mobile);
  • enti di patronato, tramite i servizi telematici offerti dagli stessi.

La domanda va presentata dopo il compimento del settimo mese di gravidanza corredata della certificazione sanitaria rilasciata dal medico del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) attestante la data presunta del parto. Nel caso di abbandono o affidamento esclusivo al padre, decadenza della potestà genitoriale o decesso della madre, il padre potrà presentare direttamente la domanda con le stesse modalità attraverso il servizio dedicato.

Quando richiedere il Bonus Mamma domani 2021

È possibile richiedere il Bonus Mamma domani 2021 all’Inps al compimento del settimo mese di gravidanza, oppure dopo la nascita del figlio, ma sempre prima che questi compia un anno di età.

Cosa serve per fare domanda: i documenti da preparare

Per poter inoltrare la domanda per il Premio alla nascita (o Bonus mamma domani 2021) all’Inps bisogna essere in possesso di SPID, PIN o CiE. Come documenti, occorre presentare, innanzitutto, il certificato sullo stato di gravidanza rilasciato dal medico.  Maggiori dettagli sono disponibili qui.

Per chi ha già partorito, ha un permesso di soggiorno o ha adottato un bambino:

  • permesso di soggiorno, le cittadine extracomunitarie regolarmente presenti in Italia che si trovano nelle condizioni giuridico-fattuali previste dall’articolo 1, comma 353, legge 11 dicembre 2016, n. 232, dovranno indicare il possesso del permesso di soggiorno considerato valido ai fini dell’assegno di natalità (circolari INPS 27 febbraio 2017, n. 39 e 16 marzo 2017, n. 61) ovvero di un titolo di soggiorno, inserendone gli estremi nella domanda telematica (numero identificativo attestazione; autorità che lo ha rilasciato; data di rilascio; termine di validità).
  • parto già avvenuto, la madre dovrà autocertificare nella domanda la data del parto e le generalità del bambino (codice fiscale), ovvero le informazioni che si rendano necessarie per accedere al beneficio. In caso di parto plurimo è richiesta l’indicazione di più minori in quanto la prestazione è riconosciuta per ogni minore/evento;
  • adozione/affidamento nazionale, per attestare la data di adozione o affidamento/ingresso in famiglia è necessario indicare gli elementi indispensabili per il reperimento delle informazioni o dei dati presenti nel provvedimento di adozione o affidamento emesso dell’autorità competente.
  • adozione/affidamento internazionale, per attestare la data di ingresso in Italia è necessario indicare, al momento della domanda, gli elementi indispensabili per il reperimento delle informazioni o dei dati presenti nell’autorizzazione all’ingresso del minore in Italia rilasciata dalla Commissione per le Adozioni Internazionali – CAI (numero dell’autorizzazione; data dell’autorizzazione) ovvero il numero e la data dell’autorizzazione.
  • data di ingresso in famiglia, per attestare la data di ingresso in famiglia si chiede di allegare copia digitalizzata del certificato dell’ente autorizzato a curare la procedura di adozione da cui risulti la data di effettivo ingresso in famiglia;
  • adozione pronunciata nello stato estero, bisogna indicare, al momento della domanda, gli elementi indispensabili per il reperimento delle informazioni o dei dati presenti nel provvedimento di trascrizione nei registri dello stato civile del provvedimento di adozione emesso dallo stato estero;
  • abbandono/affido esclusivo al padre, bisogna indicare, al momento della domanda, gli elementi indispensabili per il reperimento delle informazioni o dei dati presenti nel provvedimento emesso dall’autorità competente (tipologia, numero, data, autorità che ha emesso il provvedimento).

(441)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.