Bonus 200 euro per pensionati e lavoratori: come funziona la misura del Decreto Aiuti

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Un bonus da 200 euro per i pensionati e i lavoratori con reddito ISEE fino a 35mila euro: questa una delle misure di sostegno contenute all’interno del Decreto Aiuti 2022 approvato nei giorni scorsi dal governo presieduto da Mario Draghi. Il contributo riguarderà 28 milioni di italiani ed è pensato per aiutare le famiglie in questo momento di crisi. In attesa della pubblicazione del documento in Gazzetta Ufficiale, vediamo come funzionerà, a chi spetta e come ottenerlo.

Lunedì 2 maggio 2022 il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto-legge – detto “Decreto aiuti” – che introduce misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle imprese e attrazione degli investimenti, nonché in materia di politiche sociali e di crisi ucraina. Tra i provvedimenti adottati, un bonus da 200 euro per lavoratori e pensionati. Ad introdurre la misura, il premier Mario Draghi: «Approviamo un importante provvedimento di sostegno ai redditi di 28 milioni di italiani – ha spiegato –, tra pensionati e lavoratori dipendenti e anche autonomi. Per i pensionati e lavoratori dipendenti che hanno un reddito fino a 35 mila euro ci sarà un bonus uguale per tutti di 200 euro. Quindi una misura che consente di aiutare le famiglie e limita i rischi di ulteriori aumenti di inflazione».

Bonus 200 euro per pensionati e lavoratori con reddito sotto i 35mila euro

Come anticipato, il bonus 200 euro consiste in un assegno, che verrà corrisposto una tantum, a lavoratori e pensionati con reddito inferiore a 35mila euro. La misura è finanziata attraverso l’aumento della tassa sugli extraprofitti per le aziende energetiche.

Come ottenerlo: INPS e busta paga

Stando a quanto anticipato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, non sarà necessario richiedere il contributo. Il bonus da 200 euro sarà infatti erogato dall’INPS, probabilmente a luglio 2022 (servono, ha specificato Franco, i «tempi tecnici»), per i pensionati; direttamente dal datore di lavoro in busta paga, invece, per i lavoratori dipendenti. I datori di lavoro potranno poi recuperare queste cifre al primo pagamento di imposta possibile. Diversa la questione per i lavoratori autonomi, per i quali si pensa alla creazione di un fondo.

Maggiori dettagli, specialmente su quest’ultimo punto, verranno forniti nel momento in cui sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale il testo del Decreto Aiuti.

(266)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.