Befana Legambiente: boom di buoni e poco carbone

befanaAnche quest’anno la Befana di Legambiente ha portato a termine i suoi propositi, presentandosi comunque meno rigida e ammonitrice rispetto al passato. Più premiati con caramelle che bocciati con carbone. La 24ª edizione, svoltasi nei locali dell’ex Ipab, ha visto tra i premiati l’assessore Gaetano Cacciola; il direttore generale dell’Atm, Giovanni Foti; l’assessore Sergio De Cola; l’ex assessore – da poco dimessosi– Filippo Cucinotta; il commissario di MessinAmbiente, Alessio Ciacci, e il consulente Raphael Rossi; il sindaco Renato Accorinti; il vicesindaco Guido Signorino. Per il Primo cittadino e il Vicesindaco oltre le caramelle è arrivato anche un po’ di carbone che dovrebbe servire a stimolare ancora di più il loro futuro lavoro. 

Anche l’ex ingegnere capo della protezione Civile, Gaetano Sciacca, e l’ex presidente del Consiglio Comunale, Pippo Previti, sono stati omaggiati con dolcetti per il loro operato. A loro si aggiungono anche l’associazione 7000; il comitato Risaniamo Casa Nostra; Padre Giuseppe Trifirò insieme ai comitati della valle del Mela; le scuole Drago e Albino Luciani. 

Note dolenti, invece, per il consigliere Nicola Cucinotta; i progettisti del Porto Tremestieri, rappresentati dall’ingegner Francesco Di Sarcina; per il direttore generale Antonio Le Donne, che hanno ricevuto il carbone. Cucinotta ben 16 pezzi, quanto il numero dei consiglieri a favore dell’abolizione dell’isola pedonale Cairoli. Gioie e dolori per Le Donne, che ha ricevuto il carbone nel ruolo di direttore generale del Comune e caramelle per quello di segretario generale.

Tirando le somme, il bilancio dei “cattivi” non è stato tragico e la befana 2015 si è presentata a Messina un po’ più buona e generosa. 

(78)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *