Atm, i sindacati puntano il dito sulla gestione Foti: “Dubbi avanzamenti di carriera”

atm-insegnaSi allarga il fronte del dissenso in Atm. Uil Trasporti, Ugl, Orsa Autoferro e Faisa Cisal questa mattina saranno a Palazzo Zanca per intervenire in Commissione Trasporti. Nei giorni scorsi i sindacati avevano chiesto un incontro urgente all’amministrazione comunale per  denunciare atti posti in essere dal direttore generale Giovanni Foti  e dal commissario speciale Domenico Manna che i rappresentanti aziendali reputano illegittimi.
Uil, Ugl, Orsa e Faisa vogliono accendere i riflettori sulle modalità modalità utilizzate per i troppi avanzamenti di carriera che si sono registrati con l’attuale gestione, mancato pagamento degli arretrati contrattuali, esasperato ricorso al lavoro straordinario, mansioni affidate a personale non aventi requisiti.
I sindacati manifestano perplessità anche sul futuro passaggio dell’Atm nella Multiservizi, nell’ambito del nuovo assetto delle società partecipate voluto da Palazzo Zanca.  “L’amministrazione comunale e la dirigenza aziendale hanno il dovere di spiegare chiaramente che fine farà l’Atm dopo l’annunciata chiusura in data 1 gennaio 2007 e soprattutto come saranno gestite le maestranze ex Lsu ancora con contratto a tempo determinato. “Visto il recente atteggiamento supponente della Dirigenza aziendale e dell’amministrazione comunale – precisano –  consideriamo seriamente a rischio il futuro lavorativo dei dipendenti precari e di quelle figure professionali che l’esperto chiamato a stilare il fabbisogno organico reputerà superflue con giudizio unilaterale”.

(421)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *