Aree pedonali. Sottile e Gervasi: “Adottare un Piano straordinario”

comuneContinua il “tira e molla” del dibattito sulla centro storico e pedonalizzazione dell’area del Duomo. A intervenire a riguardo sono Fabrizio Sottile, consigliere comunale di SiAmo Messina, e il Consigliere della IV Circoscrizione Maria Fernanda Gervasi, di Forza Italia.

“Si stanno tenendo continui incontri e “tavoli tecnici” − osservano i due Consiglieri − ma si rischia di perdersi in estenuanti confronti, senza affrontare alcuni dei temi cruciali, e senza individuare percorsi veramente risolutivi”.

“Già negli scorsi mesi avevamo osservato come – spiegano Sottile e Gervasi −, in occasione della vicenda riguardante l’isola Cairoli, si fosse scelto un percorso rivelatosi errato e soprattutto fallimentare. Purtroppo l’esito è sotto gli occhi di tutti. Riteniamo che il principale errore fatto in passato, ma che si rischia di riproporre adesso, sia stato quello di affrontare il tema come una questione principalmente di viabilità, laddove invece si doveva affrontare in termini di rigenerazione urbana, vivibilità e sviluppo economico”.

“Oggi che si discute di area pedonale Duomo – proseguono −, questione che in termini di viabilità riscuote generali consensi ed è già espressamente previsto nel Piano Urbano del Traffico, crediamo non si debba limitare il dibattito ad accorgimenti viabili di dettaglio, mentre invece occorra un approccio sinergico e integrato.

“Per questo proponiamo l’adozione di un “Piano straordinario per il Centro storico e le Aree pedonali” – precisano i Consiglieri −, che preveda interventi e una disciplina integrata relativamente a questioni fondamentali come il decoro e l’arredo urbano, gli incentivi per l’occupazione suolo, la regolamentazione estetica, la rimozione dei cassonetti, il controllo del territorio e la sicurezza, l’illuminazione, la pulizia e la manutenzione del verde, l’accessibilità, l’incentivo al trasferimento di attività incompatibili. Un piano che possa essere lo strumento attraverso il quale programmare interventi, attrarre risorse dal nuovo ciclo di programmazione comunitaria, incentivare l’iniziativa economica privata”.

“Solo un approccio coordinato e strategico potrà condurre ad un autentico processo di rigenerazione urbana − sottolineano −, di ripristino di salotti che i messinesi e i turisti possano sentire veramente “propri”, di riscoperta di un senso di appartenenza e di senso civico”.

“Invitiamo, − concludono− perciò, l’Amministrazione ad avviare sin da subito un percorso di ampio respiro e di prospettiva, senza improvvisazioni, che ci vedrebbe ovviamente pronti a dare il nostro contributo nell’interesse della città”.

(251)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *