Addio a Enrico Vinci, l’europeista che aveva Messina nel cuore

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Enrico Vinci, messinese, ex Segretario Generale del Parlamento Europeo è morto a Lussemburgo, aveva 84 anni, e almeno la metà di questi anni li ha dedicati all’Europa.

La sua carriera europeista la iniziò come assistente dell’allora ministro degli Esteri, il messinese Gaetano Martino, alla conferenza di Messina del 1955, ove fu siglato l’atto costitutivo della futura Comunità Europea.

Da quell’esperienza, Vinci trasse spunto per intraprendere la sua carriera “europea” e approdò al Parlamento Europeo a Lussemburgo, fu direttore di Commissione, direttore dell’amministrazione, direttore generale del personale fino ad arrivare, nel 1986, a divenirne Segretario generale.

A Messina era stato professore di Diritto Comunitario, Consigliere comunale del Partito Liberale, dal 1956 al 1960, , Dirigente universitario. E la sua città- dice chi lo conosceva bene – gli era rimasta nel cuore.

Enrico Vinci rimarrà per Messina motivo di orgoglio cittadino.

(353)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.