galleria autostrada

A18, arrivano i soldi: 10 milioni per rifarla

Pubblicato il alle

2' min di lettura

L’autostrada A18 Messina – Catania è pronta a rifarsi il look in vista del G7, in programma a Taormina il 26 e 27 e maggio. Il Cas, infatti, ha programmato una serie di interventi di riqualificazione dell’importante arteria, spesso balzata agli onori della cronaca per la sua pericolosità. Entro aprile l’autostrada verrà dotata di una nuova pavimentazione e di un nuovo impianto di segnaletica con il rifacimento delle indicazioni orizzontali e verticali. Previsti, inoltre, interventi allo svincolo di Taormina, tra i più utilizzati durante l’importante riunione politica, e la riqualificazione delle gallerie.

E’ quanto contenuto nella lista di progetti che il Cas ha presentato lo scorso 10 gennaio, durante un tavolo tecnico tenutosi a Palazzo del Governo con il prefetto Francesca Ferrandino, il commissario straordinario del G7 Riccardo Carpino, il ministro Alessandro Modiano (capo delegazione della Presidenza Italiana), i sindaci di Taormina e Giardini Naxos. A disposizione ci sono 10 milioni di euro, fondi che in parte verranno garantiti dal Consorzio Autostrade Siciliane e in parte dalla stessa organizzazione del G7.

Parallelamente, il Cas ha in cantiere ulteriori interventi. Entro marzo si procederà alla gara di appalto per poter assegnare i lavori e rendere più moderni ed efficienti i sistemi di sicurezza e comunicazione lungo le autostrade A20 e A18 con l’installazione di telecamere. “Il progetto è finanziato con i fondi derivanti dal Patto per il Sud – precisa il direttore generale Salvatore Pirrone -, ripristineremo la funzionalità delle colonnine e dei pannelli informativi a supporto dei conducenti. Stiamo, inoltre, studiando la possibilità di dotare le gallerie di connessione wi-fi”.

E il 2017 potrebbe portare piacevoli novità anche per la martoriata tangenziale cittadina. Il Cas, infatti, ha in programma lavori per sistemare il carente impianto di pubblica illuminazione.

Andrea Castorina

(1028)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Era ora che si facesse qualcosa, fa rabbia il fatto che bisogna ringraziare il G7 mentre il consorzio mangia soldi senza spendere un centesimo per la sicurezza di tutti.

error: Contenuto protetto.