A Milazzo arrivano 16 startup per il progetto europeo Ledger

Dal 28 ottobre al 9 novembre, 16 startup selezionate per Ledger arriveranno a Milazzo per partecipare al primo bootcamp del progetto europeo. Il laboratorio di ricerca e sviluppo sarà guidato da Federico Bonelli di Dyne.org.

Cos’è Dyne.org

Dyne.org è una no profit olandese che si occupa di sviluppare software liberi attraverso la contaminazione e la diffusione trasversale di scienza, tecnologia e arte. Negli anni ha partecipato a progetti europei per sperimentare metodologie informatiche all’interno di strutture con potenzialità socio-culturali.
Insieme a Fundingbox e BluMorpho, Dyne.org è partner di Ledger. Il progetto fa parte dell’iniziativa Next Generation Internet lanciata dalla Commissione Europea per rimettere al centro del mondo digitale i valori umani. L’obiettivo è possibile grazie alla costruzione di una rete trasparente, inclusiva e aperta.

Cos’è Ledger EU 2019

Il progetto Ledger, inserito all’interno del programma European Venture Builder for Human-Centric Solutions, è finanziato dall’Unione Europea ed è dedicato alla costruzione di aziende innovative che mettano al centro del proprio lavoro tecnologie in grado di restituire ai cittadini il controllo dei propri dati. I 16 progetti provenienti da diversi Paesi Europei, finanziati ciascuno con 150.000 euro, si incontreranno a Milazzo per sperimentare nuove modalità che possano creare imprese di valore. Sostanzialmente si sfruttano le tecnologie per tornare al concetto di agòra e immaginare strategie che possano riempire i vuoti della società moderna. Già da 5 mesi, le startup sono state chiamate a lavorare su idee che riguardano: ambiente, sanità, mobilità, economia, servizi pubblici e innovazione. Dal 28 ottobre, sotto la guida di Federico Bonelli, si svolgerà il primo laboratorio di ricerca e sviluppo delle idee.
Tre gli step da seguire:

  • osservazione
  • analisi
  • costruzione del prodotto

Perché è stata scelta Milazzo

Milazzo rappresenta un luogo emblematico e contraddittorio. Città che si divide tra la Raffineria, la viabilità, Capo Milazzo e il Castello. Per poter procedere, Federico Bonelli, grazie alla collaborazione tra gli altri dell’Associazione Siddharte, guiderà le 16 startup che dovranno confrontarsi con alcune realtà del territorio. L’obiettivo è quello di mettere a confronto esperienze di realtà differenti che possano tirare fuori, come avviene nel processo creativo, nuove idee e punti di vista. Il dialogo, il confronto e la conoscenza saranno alla base del bootcamp.

Chi è Federico Bonelli

Federico Bonelli, romano con origini siciliane, vive da oltre 20 anni ad Amsterdam. È un artista multimediale, lavora per Dyne.org e per Ledger si occuperà della formazione. Federico torna in Sicilia, dopo Trasformatorio – residenza artistica, l’ultima edizione si è svolta nel 2018 a Giampilieri – per guidare le 16 start up selezionate per il progetto europeo Ledger.

Il primo novembre verrà attivata una seconda call per nuove proposte.

(550)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *