Azienda Papardo, Uil e Anaao – Assomed chiedono il commissariamento

papardo per nuovoLa Uil-Fpl e l’ANAAO-ASSOMED attraverso una nota inviata all’assessorato regionale alla Salute chiedono formalmente la destituzione del manager Michele Vullo. I firmatari del documento, Pippo Calapai e Mario Macrì, rispettivamente segretario generale e responsabile Area Medica della Uil-Fpl, e Pietro Pata, segretario regionale dell’ANAAO-ASSOMED, esprimono “forte perplessità per il grave ritardo con cui il presidente della Regione e l’assessorato regionale alla Salute stanno procedendo alla formalizzazione del Decreto attuativo riguardante l’accorpamento del Piemonte all’IRCCS Neurolesi.

“Tale ritardo – evidenziano nella nota – si sta di fatto bloccando qualunque processo di rimodulazione della rete ospedaliera messinese previsti dalla L.R. n.46/2015, con pesanti ricadute sul mantenimento dei livelli essenziali di assistenza. Pur tuttavia – prosegue la nota – appare veramente singolare la risposta del direttore generale dell’AO Papardo laddove egli imputa il calo della produttività a  situazioni esterne all’Azienda, dimenticando le ripetute esternazioni anche pubbliche con le quali ha inteso denigrare tutti gli operatori sanitari del PO Piemonte, considerando lo stesso ‘privo di requisiti e pericoloso per la stessa salute dei cittadini’. È chiaro che tali esternazioni sono tra le cause del progressivo calo”.

I sindacalisto non vanno per il sottile e chiedono la destituzione di Vullo.”Pertanto, le scriventi Organizzazioni Sindacali chiedono a codesto On.le Assessorato il commissariamento dell’AO Papardo al fine di ripristinare presso la succitata Azienda non solo un clima di serenità tra i lavoratori ma anche un modello organizzativo che risponda ai principi di efficacia, efficienza, trasparenza, tutti necessari al buon andamento della pubblica amministrazione”.

In conclusione, la Uil-Fpl e l’ANAAO-ASSOMED entrano nel merito dei titoli professionali di Vullo.
“Le scriventi organizzazioni sindacali facendo seguito ad una recente denunzia da parte delle Segreterie Regionali, in merito alla verifica dei requisiti posseduti dai manager nominati ai vertici delle aziende sanitarie siciliane, fanno presente di aver chiesto a codesto Assessorato di approfondire la posizione del manager Vullo in merito alla data di conseguimento della laurea, le modalità dell’attribuzione della qualifica dirigenziale, nonché le modalità di nomina di ‘direttore di struttura complessa delle relazioni sindacali, formazione e valutazione della dirigenza, controllo ed implementazione della legalità’ presso l’A.O. Santobono-Pausilipon di Napoli, essendo al contempo inserito sino al 2005 nell’elenco del personale dipendente del SSR Sicilia presso l’Azienda Ospedaliera ‘S.Elia’ di Caltanissetta, ruolo: Sanitario-Personale Infermieristico; Profilo Professorale, Collaboratore Professionale Sanitario; Categoria D; Disciplina Qualifica: Infermiere”.

(249)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *