Sanità. Laccoto e Panarello: “Gucciardi preparato, ma serve un’azione unitaria”

Pippo LaccotoLunedì, è prevista la visita, a Messina, dell’Assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi. L’evento, secondo Filippo Panarello e Giuseppe Laccoto, deputati regionali del Pd, “potrebbe essere l’occasione per fare il punto sulla sanità in provincia di Messina e ribadire l’impegno del governo regionale ad assicurare un’offerta sanitaria adeguata alle necessità dei messinesi”.

“Conoscendo la sensibilità e la serietà di Gucciardi – scrivono in una nota -, siamo certi che i suoi sforzi saranno rivolti in questa direzione. Ma per ottenere i risultati attesi dalla cittadinanza, lo sforzo dell’Assessore, deve essere accompagnato dal concorso positivo della deputazione regionale, delle istituzioni locali, delle forze sociali e degli operatori del settore”.

“Perciò – spiegano Panarello e Laccoto – bisogna superare il clima di contrapposizione sviluppatosi sulla vicenda del Piemonte, che non ha prodotto risultati positivi e, da ultimo, ha creato una pericolosa situazione di stallo”.

“Il disegno di legge sull’accorpamento del Piemonte al Neurolesi – sottolineano – (che già prefigura, al di là delle intenzioni dei proponenti, un ridimensionamento e in prospettiva il superamento delle attuali funzioni) è bloccato. Il processo di riorganizzazione del Papardo che va avanti con la ipotizzata soppressione del pronto soccorso. Tutto ciò accentua il clima di incertezza che si riflette negativamente sull’attività del Piemonte e dell’intera Azienda Ospedaliera, presidio importante per i servizi che deve assicurare all’utenza. Se dovesse perdurare l’attuale situazione di  “impasse”,  verrebbero frustrate le aspettative del Neurolesi di realizzare un polo riabilitativo qualificato e, nel contempo, si negherebbe alla città un presidio sanitario efficace”.

“Noi, che ci siamo astenuti dal partecipare allo scontro tra la opposte tifoserie – proseguono -, sosterremo la necessità di un’azione unitaria per migliorare l’offerta sanitaria nella nostra provincia, a partire dalla salvaguardia dei punti di eccellenza, come la cardiochirurgia pediatrica di Taormina, dalla realizzazioni di un’efficace rete di emergenza urgenza in città e in provincia, dal potenziamento della medicina territoriale, dalla valorizzazione delle professionalità presenti nel campo ospedaliero”.

“Realizzare tali obiettivi è possibile se viene portato aventi un progetto complessivo – concludono Giuseppe Laccoto e Filippo Panarello, deputati regionali Pd -, con il concorso sinergico di tutte le aziende operanti nella nostra provincia, che nel rispetto dei parametri definiti nel patto per la salute, punti, anzitutto, alla riqualificazione delle strutture esistenti ed a una offerta sanitaria sempre più specializzata, in grado di contrastare il fenomeno della migrazione sanitaria”.

(211)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *