Stop rifiuti il sabato, scontenti anche i lavoratori di Messinambiente

rifiuti nuovoBuona parte della cittadinanza non è mai entrata in sintonia con l’ordinanza del sindaco Accorinti che vieta il conferimento dei rifiuti il sabato e nei prefestivi. La città continua ad essere sporca e i dipendenti di Messinambiente sono spesso costretti a turni di lavoro massacranti, alla luce anche della frequenti chiusure della discarica di Motta S.Anastasia.

Ad essere scontenti della situazione non ci sono soltanto i cittadini, ma gli stessi dipendenti di Messinambiente. I lavoratori in quota Cgil hanno approfittato della riunione odierna per manifestare i propri disagi.  Durante il dibattito i lavoratori hanno rappresentato l’enorme difficoltà a rendere un vero servizio alla città. “Ormai la misura è colma – spiega il sindacato – soprattutto dal punto di vista dell’organizzazione della raccolta. A detta degli stessi  lavoratori è necessario che il sindaco Accorinti apporti una modifica all’ordinanza che vieta di depositare l’immondizia il sabato. Secondo i dipendenti la raccolta dovrebbe essere sospesa la domenica  oppure sarebbe necessario operare con delle squadre di supporto il sabato sera per evitare  il nascere di piccole discariche o cumuli di immondizia  intorno ai  cassonetti . Una organizzazione del lavoro che fa acqua da tutte le parti . Inoltre i lavoratori hanno lamentato di svolgere delle mansioni diverse rispetto alla categoria di appartenenza”.

Durante l’incontro, presieduto dal segretario Carmelo Pino si è parlato anche della nuova società che in futuro andrà a sostituire Messinambiente e Ato 3.  “Nonostante il piano Aro sia approvato da tempo – spiega in una nota la Cgil – l’inversione di marcia dell’amministrazione rispetto alla mobilità tra le partecipate ha comportato  che la prima versione  della delibera della nuova società, sia stata approvata dalla Giunta in data il 23 settembre   e dopo 24 giorni è stata approvata la modifica alla delibera che ieri è stata trasmessa alla Corte dei Conti. La Fp Cgil , ha smentito tale possibilità considerato che la Regione ha approvato la pianta organica delle Srr  nella quale sono previsti tutti i lavoratori della Messinambiente e dell’Ato 3 “.

“I  lavoratori – conclude il sindacato –  hanno espresso stanchezza e  preoccupazione rispetto ai  tempi per  la nuova società che potrebbero rallentare l’iter della nuova  società  . Il 31 dicembre 2016, è dietro l’angolo  e I tempi della burocrazia sono biblici”.

(112)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *