Camera di commercio. “Export e internazionalizzazione”: conclusi gli incontri di formazione per le Pmi

camera di commercioHa registrato la partecipazione di ben ottantacinque persone tra imprenditori, manager, liberi professionisti e giovani laureati il “Percorso di formazione per le Pmi in materia di export e internazionalizzazione”, organizzato dalla Camera di commercio tramite la sua Azienda speciale servizi alle imprese, in partnership con l’Istituto “Guglielmo Tagliacarne” e lo studio associato Tupponi, De Marinis, Russo & Partners di Forlì.

Tre gli incontri nell’ambito dei quali il percorso formativo si è sviluppato. Il primo modulo ha affrontato gli “Aspetti operativi dell’internazionalizzazione d’impresa. Ruoli e compiti dell’ufficio export” con la relazione dell’avv. Marco Tupponi, docente all’Università di Macerata: «Ormai non si può più prescindere da un’attività di internazionalizzazione strutturata – ha affermato – per svolgere la quale è necessaria un’attività diffusa di sensibilizzazione e crescita culturale su tutte le materie, sia tecniche che strategiche, che coinvolgono i processi d’internazionalizzazione. L’attività formativa ed informativa intrapresa dalla Camera di commercio di Messina ci si augura abbia non solo un seguito ed una continuità, ma sempre più sia percepita come un’attività indispensabile, onde evitare spiacevoli sorprese cui spesso le imprese vanno incontro a causa della diversità di cultura e della distanza tra gli attori commerciali».

Il secondo modulo, invece, è stato dedicato a “Le principali clausole dei contratti internazionali” e agli “Aspetti fiscali delle importazioni di import export” con l’intervento dell’avv. Alessandro Russo, docente all’Università di Bologna: «I percorsi formativi sono fondamentali per favorire una crescita strutturata – ha dichiarato – oggigiorno, riuscire ad essere competitivi sui mercati internazionali non è una scelta, ma un’esigenza».

Infine, il terzo modulo ha analizzato la tematica relativa a “Trasporti e problematiche doganali ed assicurative” con il dott. Giuseppe De Marinis, docente all’Università di Macerata: «Chi vuol fare internazionalizzazione deve conoscere questo aspetto – ha precisato – per essere realmente competitivo sul mercato, ma anche per non incorrere nelle sanzioni da parte delle Agenzie delle entrate e dell’Agenzia delle dogane».  

«Oggi più che mai, operare nei mercati internazionali può rappresentare un’efficace risposta alla grave crisi economica in atto – ha commentato il commissario straordinario dell’Ente camerale, Franco De Francesco – per questo motivo, la Camera di commercio, tramite la sua Azienda speciale servizi alle imprese, continua a scommettere sull’internazionalizzazione, cercando di fornire agli imprenditori le “chiavi” giuste per orientarsi in questo mondo».

«La larga partecipazione ha confermato l’interesse degli operatori economici alle esportazioni – ha aggiunto l’amministratore unico dell’Azienda speciale servizi alle imprese, Saro La Rosa – è stata, quindi, positiva l’intuizione camerale di orientare le imprese, specie quelle dei settori di eccellenza, verso le potenzialità dei mercati esteri che offrono attrattività e opportunità di sviluppo significative». 

(39)

Categorie

Economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *