Tao Film Fest, il patron di Videobank pronto ad andare in Procura, Chiechio:”Gravissime irregolarità della Agnus Dei”

Taormina-Teatro Antico

Taormina-Teatro Antico

Una storia fatta di ricorsi e contro ricorsi, quella del Taormina Film Festival numero 63, assegnato alla Videobank di Lino Chiechio. Dopo la decisione di Tiziana Rocca di rivolgersi al Tar di Catania per far valere le ragioni della  sua “Agnus Dei”, esclusa dalla gestione della kermesse, adesso è Chiechio ad  annunciare le sue prossime mosse. In un duro comunicato stampa afferma che lunedì prossimo presenterà in Procura un dossier che dimostrerebbe in maniera inequivocabile le presunte irregolarità nella documentazione presentata dalla società della pr romana per partecipare al bando per l’affidamento del festival.

“Ora basta – afferma il General Manager di Videobank- Credo proprio che sia arrivato il tempo della chiarezza. E si debba andare sino in fondo su questa vicenda. D’altronde non abbiamo nulla da temere ed il nostro percorso è sempre stato cristallino e documentabile. Proprio per questo, lunedì mattina, consegneremo in Procura una serie di documenti inoppugnabili che attestano gravissime irregolarità ed anomalie nella documentazione presentata dalla società Agnus Dei per la partecipazione al bando di gara relativo all’organizzazione del Taormina FilmFest 2017”.

E’ pronto a dare battaglia in tutte le sedi competenti Lino Chiechio, forte di possedere- come spiega nella nota- tutte le carte in regola per poter organizzare la manifestazione.  “Siamo gli unici ad avere –dichiara– tutte le carte in regola. Non temiamo alcun tipo di riscontro o verifica. La nostra macchina organizzativa per garantire il TFF 2017 si era messa immediatamente in moto, dopo l’aggiudicazione definitiva della gara. Ma questa continua ed inaccettabile macchina del fango va definitivamente fermata. Non solo nell’interesse della Città di Taormina e del suo Festival, ma anche a tutela del buon nome della nostra Azienda”.

Oltre a trasmettere alla Procura la documentazione relativa alla gara, Lino Chiechio, attraverso i suoi legali presenterà nelle prossime ore il suo ricorso al Tar.

“Il nostro pool di legali ha già preannunziato- spiega il patron di Videobank- nell’udienza del 23 marzo  scorso al Tar di Catania, la presentazione di un ricorso incidentale. Ricorso che presenteremo nelle prossime ore e per cui è stata già fissata un’udienza per il 6 aprile. Proprio relativamente alla nostra iniziativa legale presso il Tar ed in conseguenza alla nostra richiesta di ricorso incidentale, i Giudici Amministrativi hanno ora emesso una sospensiva interinale in attesa del dibattimento del 6 aprile. Questa sospensiva, appunto interinale, non ha nulla a che vedere con le richieste avanzate da Agnus Dei. Il ricorso della società romana avverso agli esiti della gara sarà comunque discusso in udienza già fissata per il prossimo 20 aprile. Ci rimettiamo ovviamente con assoluta serenità alle valutazioni dei Giudici del Tar, convinti della bontà delle nostre tesi e della validità dei documenti che saranno posti in discussione. Resta ferma però – conclude Lino Chiechio – la nostra ulteriore iniziativa legale e la consegna del dossier sulle irregolarità documentali in Procura. Fatti di cui siamo certi e per cui ci rimettiamo alle valutazioni della magistratura ordinaria”. 

(178)

1 Commento

  • Giuso 41 scrive:

    aaahahahahaha cominciano a volare gli stracci………..intanto Laudadio rinuncia……..ma l’assessore minimizza………intanto Giugno avanza…….speriamo bene……meno male che Taormina ha il G7………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *