Svincolo di Giostra. Russo: «Servono pannelli per ridurre l’inquinamento acustico e luminoso»

alessandro russo, consigliere comunale messinaRidurre l’inquinamento acustico e luminoso allAnnunziata e, in particolare, in contrada Conte, via di accesso allo svincolo di Giostra: è questo l’obiettivo della richiesta inoltrata dal consigliere comunale Alessandro Russo al vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Salvatore Mondello.

In sostanza, spiega Russo, vista la vicinanza con lo svincolo autostradale, occorrerebbe installare in contrada Conte dei pannelli schermanti e fonoassorbenti, realizzati con materiali che servano, appunto, ad assorbire i suoni, riducendo così l’inquinamento acustico generato dal traffico.

«Praticamente in ogni città italiana – chiarisce il Consigliere Comunale di LiberaMe – laddove i tratti autostradali passino accanto alle abitazioni o ai rioni cittadini, le società di gestione si curano di collocare dei pannelli che schermino le luci e i rumori degli autoveicoli. E questa accortezza andrebbe usata anche per il tratto di autostrada interessato, poiché i fari e i rumori degli automezzi, stante il livello rialzato del piano di strada, direttamente investono decine di palazzine poste all’uscita della galleria autostradale».

La proposta, presentata nelle scorse ore, tiene conto del fatto che il cantiere per la realizzazione dello svincolo di Giostra risulta ancora aperto e si potrebbe approfittarne per concordare la collocazione dei pannelli con le ditte esecutrici.

«Negli scorsi anni – precisa Alessandro Russo – il responsabile dei lavori di realizzazione degli svincoli, l’ingegnere Mario Pizzino, incontrando la Circoscrizione e i cittadini, diede rassicurazioni circa la possibilità di collocare i pannelli fonoassorbenti ricorrendo ai ribassi d’asta dei lavori degli svincoli, che erano nella disponibilità dell’Amministrazione».

In vista della chiusura dei cantieri, apparentemente prossima, il Consigliere Comunale di LiberaMe chiede dunque all’assessore Mondello di convocare un tavolo con le ditte esecutrici dei lavori per valutare la possibilità di inserire i pannelli fonoassorbenti e schermanti «magari ricorrendo – conclude Russo –, così come anticipato a suo tempo dal responsabile Pizzino, ai ribassi d’asta per la finalizzazione della procedura».

(Foto reperita sulla pagina Facebook di Alessandro Russo)

(153)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *