Strade realizzate nei torrenti: il Genio Civile diffida Palazzo Zanca

torrenteCon un’ordinanza dello scorso 19 ottobre, il sindaco Accorinti ha trasferito al Genio Civile l’attività di rimozione delle strade carrabili che attraversano i torrenti cittadini. Una manovra insolita quella di Palazzo Zanca visto che nei mesi scorsi gli stessi dirigenti comunali denunciavano la realizzazione di vere e proprie arterie stradali a ridosso dei corsi d’acqua.

Adesso, il Genio Civile torna sulla questione diffidando il Comune affinché rimuova opere viarie e di urbanizzazione costruite nell’alveo dei torrenti, occupando abusivamente aree di demanio fluviale e mettendo – come spiega la nota redatta dall’Ente di via Saffi – a repentaglio l’incolumità pubblica.  L’Ente presieduto dall’ingegnere Leonardo Santoro ha inoltre intimato all’amministrazione comunale a precludere il rilascio di qualsiasi nuova autorizzazione o concessione edilizia per opere che prevedano come unico accesso l’alveo dei torrenti cittadini.

Il provvedimento  reitera numerose ordinanze e diffide emesse negli anni dallo stesso Genio Civile intervenuto su evidenti criticità territoriali costituite dall’incrocio tra strade comunali e alvei torrentizi.

(197)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *