Nebrodi: furti di bestiame, mafia e malattie animali sotto i riflettori di SkyTG24

abigeatoDedicata all’abigeato la puntata della terza stagione di VICE on SkyTG24 e, in particolare, al preoccupante fenomeno dei capi di bestiame che vengono rubati o spariscono dagli allevamenti per finire in macelli clandestini, da cui le carni vengono poi commercializzate senza i dovuti controlli.

Il giro d’affari delle agromafie è miliardario e mette in serio pericolo i
consumatori, dato che con la carenza di controlli aumentano le malattie
infettive tra gli animali. Tra queste, brucellosi animale e tubercolosi bovina, malattie che si trasmettono ai consumatori sia delle carni che dei latticini.

Le telecamere di SkyTG24 hanno dedicato questo servizio ai Nebrodi, per il
forte impegno sul territorio volto a tutelare i consumatori con una specifica task force, coordinata dalla Polizia di S.Agata Militello e derivante da un apposito protocollo d’intesa tra il Questore di Messina Giuseppe Cucchiara e il Presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci: tutto ciò a riprova di quanto l’illegalità stia minacciando la sicurezza alimentare.

Diversi i contributi raccolti nel corso del servizio realizzato sul territorio dei Nebrodi; allevatori, medici, esperti ed il dirigente del Commissariato di S.Agata Militello Daniele Manganaro.

Nel servizio anche le interviste a testimoni colpiti da malattia per l’assenza dei dovuti accertamenti su animali rivelatisi infetti.
Sull’argomento, anche il sen. Giuseppe Lumia ha presentato una interrogazione parlamentare in Senato sul tema della macellazione e delle malattie dei bovini in provincia di Messina, sottolineando le gravi responsabilità istituzionali.

Il Presidente Antoci commenta che la tutela dei consumatori e del territorio dei Nebrodi riveste interesse primario. Per questo motivo ho fortemente voluto un marchio di qualità del Parco, concesso solo dopo rigidi controlli di sicurezza sulla qualità alimentare e destinato a rendere riconoscibili i prodotti dei Nebrodi. “Il nostro obiettivo – ha detto – riguarda sia la tutela della salute dei consumatori, sia il ripristino della legalità, per restituire dignità ad un territorio sfruttato e utilizzato per affari illeciti. Si tratta di un argomento di primario interesse, su cui la tolleranza non è consentita e che da tempo mi vede impegnato in prima linea. Purtroppo constatiamo la mancanza della necessaria attenzione da parte delle autorità preposte ai controlli che avrebbero dovuto già da tempo prendere provvedimenti. E’ necessario colpire questo nucleo di illegalità e speriamo che la Magistratura ripristini prima possibile le condizioni di serenità, salute e legalità che fino ad ora sono state gravemente compromesse. Confido inoltre nei nuovi vertici provinciali del Servizio Veterinario, che sapranno controllare e agire in assoluta sinergia e comune condivisione”.

(178)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *