Messina. Inquinamento elettromagnetico entro i limiti

inquinamento elettromagneticoL’inquinamento proveniente dalle radiazioni dei campi elettromagnetici a Messina è inferiore al limite posto dalla legge. Arriva dal servizio comunale la notizia che conferma che durante il mese di dicembre, i valori sono stati inferiori al limite di 6 V/m (Volt/metro) e quindi non rappresentano un rischio per la salute dei cittadini.

Da sempre la Terra ha un fondo elettromagnetico naturale che, a causa del progresso tecnologico, è aumentato sempre di più con il tempo. Per assicurarsi che tali valori non diventino un pericolo per la popolazione, il Governo – con i Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 luglio 2003 – ha fissato i limiti di esposizione ai campi elettromagnetici.

Il Comune di Messina è stato tra i primi Enti pubblici ad avere intrapreso l’attività di monitoraggio, per assicurarsi che l’inquinamento elettromagnetico non superi i limiti imposti dalla legge, sopratutto nei luoghi più frequentati dai bambini. L’obiettivo del monitoraggio nel lungo periodo, infatti, è di evitare che la salute delle future generazioni venga influenzata dall’’impatto ambientale generato dagli impianti di telecomunicazione, in rapida e continua evoluzione.

La rete di monitoraggio del Comune di Messina è costituita da sei centraline indoor attive dal 2001 e collocate all’interno di alcune scuole cittadine.

Le centraline di monitoraggio

  • Scuola elementare e media Mazzini
  • Scuola elementare F. Crispi,
  • Scuola elementare Montepiselli,
  • Scuola elementare G. Martino di Tremestieri
  • Scuola elementare Beata Eustochia;

Esistono anche delle centraline outdooralimentate con pannelli solari e collocate sulle terrazze di edifici situati nel centro urbano, dove la concentrazione di antenne trasmittenti è più alta.

Queste centraline si trovano nelle seguenti zone:

  • Istituto Don Orione
  • Viale S. Martino
  • Casa di cura S. Camillo
  • Viale Principe Umberto
  • Palazzo Piacentini
  • Via T. Cannizzaro

(109)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *