Corpus Domini e Vascelluzzo: modifiche alla viabilità e linee Atm

VascelluzzoDomenica 2 Giugno, solennità del Corpus Domini, si svolgerà la tradizionale processione cittadina del “Corpus Domini e Vascelluzzo”, dopo la concelebrazione eucaristica che sarà presieduta alle 18.00, nella Basilica cattedrale, dall’Arcivescovo mons. Calogero La Piana. Per consentire l’uscita del “Vascelluzzo” dalla chiesa di S. Maria di Portosalvo dei Marinai, è stato disposto il divieto di sosta dalle 14.00 di domani, sabato 1 giugno, sino alle 24.00 di domenica 2, per un tratto di 25 metri antistante la scalinata della chiesa. Domenica 2, per il tempo necessario al passaggio della processione del “Corpus Domini e Vascelluzzo”, sarà istituito il divieto di transito in Corso Cavour, tra piazza Duomo e via T. Cannizzaro; in via T. Cannizzaro, tra corso Cavour e via Garibaldi; in via Garibaldi, carreggiata lato monte tra le vie Cannizzaro e I Settembre, ed in via I Settembre, tra via Garibaldi e piazza Duomo. Sarà istituito inoltre il divieto di sosta, dalle 8.00 alle 24.00, nell’area di parcheggio tra piazza Duomo, lato monte, e corso Cavour, e su entrambi i lati di via I Settembre, tra piazza Duomo e via Garibaldi; dalle 13.00 alle 24.00, il divieto interesserà anche la carreggiata ovest di via Garibaldi, tra le vie I Settembre e T. Cannizzaro; entrambi i lati di via T. Cannizzaro, tra piazza Carducci e piazza Cairoli, ed il lato ovest di corso Cavour, tra via Oratorio San Francesco e piazza Carducci. L’Atm ha comunicato che in occasione della processione di domenica 2, i percorsi degli autobus subiranno variazioni a partire dalle 17.45 a fine servizio. Gli autobus delle linee periferiche dei villaggi nord transiteranno dal Cavallotti, via S. Maria Alemanna, viale San Martino, via I Settembre, a destra di via Garibaldi e percorso regolare; quelli dei villaggi sud transiteranno dal Cavallotti, via La Farina, viale Europa-rotatoria Zaera e percorso regolare. La tradizionale processione del Santissimo Sacramento per la festività del Corpus Domini si svolgerà con la collaborazione della Confraternita Maria Santissima di Porto Salvo di Messina. Il Vascello d’argento, che ebbe origine già nel XVI secolo come attestano recenti ricerche documentarie, è ispirato ad una serie di avvenimenti legati alla città di Messina. Il manufatto in argento, alto 250 cm, è opera di più argentieri succedutisi dal 1644 al 1808, come confermato dalla presenza di numerosi punzoni che vi compaiono.

(48)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *