Cade un’altra palma sul Viale S. Martino. Servizio ridotto per il tram

palma-abbattutaSolo qualche giorno fa il crollo dell’albero davanti al Tribunale, ultimo di una serie di episodi simili che continuano a verificarsi, in lungo e in largo, in città. Tornano a far parlare di sé le palme di Viale S. Martino. Intorno alle 16.30 di ieri, infatti, la chioma di una di quelle che bordano la linea tranviaria ha ceduto, schiantandosi al suolo e trascinando con sé i cavi della linea elettrica. Probabilmente, è stato il forte vento a causare l’incidente e l’emergenza non si placa.

Nessun danno alle persone ma il tram ha subìto uno stop e la viabilità è stata compromessa a causa della chiusura, per ragioni di sicurezza, del tratto di strada. Tre vetture del mezzo pubblico ˗ per il danno alla linea elettrica ˗,  la scorsa notte, non hanno fatto ritorno al deposito e hanno trascorso la notte all’aperto. Sul posto i Vigili del Fuoco e il personale di MessinAmbiente per rimuovere l’arbusto.

L’assessore Daniele Ialacqua, nell’ambito del servizio di monitoraggio e trattamento delle palme, aveva già disposto, il 29 settembre, interventi di messa in sicurezza all’esterno della linea tranviaria e lavori di potatura delle palme presenti sul viale San Martino. Alla luce del nuovo episodio, l’Assessore assicura che ulteriori verifiche verranno immediatamente effettuate. 

 

Intanto, la direzione generale dell’Atm ha comunicato che oggi, lunedì 6, come conseguenza del crollo, il servizio di trasporto pubblico della tranvia sarà parzializzato ed effettuato da Piazza della Repubblica (stazione centrale Fs) al capolinea Annunziata (Museo) e viceversa. Mentre nella tratta da capolinea Zir a piazza della Repubblica (stazione centrale Fs) il servizio sarà effettuato, in sostituzione, con autobus. Tante le persone che questa mattina attendevano, invano, che il tram passasse e che hanno dovuto far fronte al disagio.

Entro questa sera, comunque, salvo complicazioni, si prevede il ritorno alla normalità del servizio pubblico tranviario.

 

(61)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *