Assunzioni in “mobilità” ad Amam, Messinambiente e Atm. I dettagli. Coinvolte tutte le società comunali. L’ex Dg Scoglio: “Accorinti paga il conto”

municipioGiungono i dettagli sull’assunzione per mobilità degli ottantuno dipendenti dell’Ato3 Rifiuti, dell’ex società mista Feluca e della cooperativa Agrinova che saranno distribuiti nelle partecipate comunali Amam, Messinambiente e Atm. La prima novità è che sono coinvolte tutte le società partecipate del Comune e non solo – come si legge negli atti – quelle che stanno ricercando personale: con l’Amam anche Messinambiente e Atm chiedono nuove immissioni in organico.

Tutti gli assessori, con in testa il sindaco Accorinti, erano presenti e tutti hanno votato sì alla proposta istruita dalla segreteria generale del Comune e che vede come proponente il vicesindaco Guido Signorino. L’atto ha per oggetto la mobilità interaziendale del personale delle aziende speciali e società direttamente e indirettamente controllate dal Comune secondo la legge del 27 dicembre 2013 n. 147.

L’amministrazione ha deliberato di dare disposizione alle società legate al Comune, tutte, (Atm, Amam Spa, Messinambiente Spa in liquidazione, AtoMe3 Spa in liquidazione, Innova Bic Srl, Feluca Spa in liquidazione e alla società indirettamente controllata dal Comune, Somer Srl): “Prima di avviare nuove procedure di reclutamento di risorse umane, laddove ne ricorrano i presupposti, attivino in via preventiva le procedure di mobilità secondo le modalità previste dall’art. 1 comma 563 della legge 147 del 2013 in relazione ad esigenze di riorganizzazione delle funzioni e dei servizi esternalizzati”. Nella delibera si legge che le società Amam, Atm e Messinambiente hanno manifestato l’esigenza di incrementi di unità di personale secondo i Piani industriali allegati al Piano di riequilibrio pluriennale. Da segnalare che Atm e Messinambiente sono in liquidazione. Questo – secondo la giunta – per evitare la concessione di servizi a esterni. L’Amam valuterà l’immissione in organico (senza incremento di costo rispetto a quanto previsto dal Piano economico e finanziario approvato dal Cda il 20 marzo scorso) dei 16 Feluca (di cui 8 part-time) e dei 53 dipendenti Ato3 rifiuti. La Messinambiente valuterà le esigenze di personale connesse alla manutenzione del Verde in ville, cimiteri e altri spazi pubblici rivolgendosi ai 12 lavoratori della ex cooperativa Agrinova. La giunta ha fissato entro il 14 ottobre una riunione congiunta dei rappresentanti legali delle aziende interessate alla mobilità per dare corso alle procedure previste e di concludere i processi di mobilità entro il 27 ottobre per il miglioramento dei servizi informatici ed entro il 28 novembre per le esigenze di internalizzazione dei servizi. I processi di mobilità – secondo la giunta – non dovranno comportare oneri aggiuntivi per la finanza pubblica nè refluenze sul Piano di riequilibrio decennale del Comune. Anche la società Innovabic è chiamata a predisporre atti d’indirizzo per ricercare personale attraverso la mobilità. L’amministrazione ha dato mandato al dipartimento Aziende Partecipate di costituire la società New Co a totale partecipazione pubblica del Comune e della Provincia  che nelle intenzioni dovrebbe inglobare tutto il personale.

Su Facebook l’ex direttore generale del Comune e già candidato sindaco, Gianfranco Scoglio, ha commentato così: “Con la falsa mobilità nelle partecipate Accorinti paga il conto a chi ha causato il reale dissesto del Comune assumendo personale senza concorso pubblico a scapito dei precari e dei disoccupati”

@Acaffo 

(94)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *