Olfatto ed emozioni: come il profumo influenza le percezioni

Pubblicato il alle

5' min di lettura

I profumi hanno un forte effetto sulle emozioni. Allo stesso tempo, aiutano a ricordare momenti ed esperienze del passato e possono evocare ricordi e sensazioni piacevoli.

Di tutte le percezioni sensoriali, è l’olfatto che meglio cattura e conserva i ricordi. Attraverso l’olfatto, le impressioni penetrano nel cervello in una forma pura e non distorta. Per le sensazioni visive, gustative o tattili, le informazioni ricevute prima vengono analizzate e filtrate nel talamo, che decide quale trasmettere al cervello in modo che non diventi troppo impegnato. Nel caso delle percezioni olfattive, questo passaggio viene eliminato: le informazioni fragranti vengono immediatamente associate a sentimenti e istinti che rimangono memorizzati a lungo. Naturalmente, tutto questo accade inconsciamente.

Il fatto che i profumi abbiano un potere “magico” sulle persone è già stato riconosciuto dal filosofo greco Aristotele, secondo il quale quando si percepiscono i profumi https://makeup.it/brand/92635/ si provano sempre emozioni. Si può anche citare lo scrittore russo Vladimir Nabokov, che disse: «Nulla fa risorgere il passato in modo così completo come il profumo che un tempo gli era associato». Ad esempio, l’aroma del caffè evoca spesso una sensazione di benessere perché ricorda piacevoli momenti di pace e relax. Il profumo della crema solare può “trasportare” in vacanza, su una spiaggia assolata.

Profumo e atmosfera

Poiché i profumi a cui si è esposti ogni giorno influenzano in modo significativo le emozioni e l’umore, si dovrebbe prestare loro la dovuta attenzione. Ad esempio, alcuni negozi utilizzano le fragranze per creare un ambiente piacevole per lo shopping e incoraggiare i clienti ad acquistare.

Se si è consapevoli di come certi profumi possono influenzare, è possibile aromatizzare abilmente gli ambienti nei quali si trascorre più tempo, in modo da evocare un’atmosfera accogliente. Questa è, ovviamente, una scelta e una preferenza individuale. Alcuni preferiscono profumi floreali delicati o freschi e ariosi, altri preferiscono toni speziati e legnosi, più intensi. L’importante è non esagerare con la concentrazione del profumo.. È meglio usare, ad esempio, solo un piccolo cuscinetto con fiori di lavanda essiccati poggiato sul comodino vicino al letto per dormire bene, piuttosto che spruzzare l’intera camera da letto con uno spray alla lavanda.

Se si comprende come “funziona” ogni profumo, sarà possibile utilizzarlo in modo mirato, in base alle esigenze.

Un profumo per ogni esigenza

A volte c’è bisogno di coraggio, altre di calma. Tuttavia, è sempre possibile trovare un profumo che aiuterà a sintonizzarsi sull’onda giusta. Ecco qualche esempio.

  • Lenitivi: le note di lavanda, melissa e camomilla calmano e tranquillizzano.
  • Incoraggianti: arancia, mandarino, citronella o menta sollevano il morale.
  • Stimolanti: le note di gelsomino, legno di sandalo, patchouli, muschio e rose agiscono come afrodisiaci.
  • Energizzanti: se si vuole aumentare la concentrazione, si può profumare l’ambiente circostante con note di limone, eucalipto, legno di cedro, rosmarino o citronella.
  • Rilassante: pino, menta e timo rilassano le vie respiratorie e rinfrescano piacevolmente.
  • Rafforzanti: bergamotto, lavanda e geranio supportano il sistema immunitario.

Più attenzione all’olfatto

In un mondo focalizzato principalmente su stimoli e percezioni visive o uditive, i profumi restano ingiustamente trascurati, e se si prova a definirli in qualche modo, spesso mancano le parole. Allo stesso tempo, un naso allenato può presumibilmente distinguere fino a 10.000 aromi diversi. Se si coinvolge consapevolmente il proprio senso dell’olfatto e lo si “ascolta”, spesso si può capire meglio cosa sta succedendo. Ad esempio, perché non ci si sente bene in alcune aree, perché la relazione con una certa persona non funziona o perché qualcosa non ci piace a livello dell’olfatto. Il suggerimento, quindi è sentire in modo mirato i profumi che ci circondano, anche ad occhi chiusi, per essere consapevoli delle loro piccole sfumature, per cercare di distinguerli e nominarli. Il naso diventerà gradualmente più sensibile e percepirà i profumi più intensamente, permettendo di godersi il ​​mondo al massimo, con tutti i sensi.

A rose blooms and then fades but the memory and fragrance last forever

David Eddings

“La rosa sboccia e poi appassisce, ma il suo profumo rimane nella mente per sempre” affermava saggiamente lo scrittore americano, rendendo l’idea che le fragranze svolgono un ruolo fondamentale nella vita quotidiana, influenzando le emozione e le scelte.

(19)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.