È siciliano l’assessore più giovane d’Italia: si chiama Pier Capuana e ha solo 18 anni

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Frequenta il primo anno di Scienze Politiche a Catania e adesso è l’assessore più giovane d’italia. Stiamo parlando di Pier Maria Capuana, nominato assessore al Comune di San Giovanni La Punta. «Grazie al sindaco Nino Bellia e al coordinatore della lista civica Onda Mario Luciano Brancato per aver investito su di me.

Agli altri – scrive Pier sul suo profilo social – dico giudicatemi per quel che farò e dimostrerò con i fatti. M’ispiro all’ideologia dell’agire e alla filosofia del “fare” per questo motivo ho l’ambizione e il sogno di riuscire a far diventare i giovani protagonisti della realtà in cui vivono, attraverso l’unità, allo scopo di costruire davvero un cambiamento».

L’assessore più giovane d’Italia è siciliano

Non ha ancora una delega, ma è sicuramente l’assessore più giovane d’Italia. A soli 18 anni, infatti, Pier Maria Capuana è entrato nella giunta di Bellia, sindaco di San Giovanni La Punta dal 2020. «Sicuramente – ha detto Pier Capuana – è la passione che sin da piccolo mi ha fatto vedere come la politica poteva essere al servizio dei cittadini, potersi battere per le necessità. L’ideologia ci divide, io sono per un’ideologia della fattibilità, una politica di contenuto».

Pier è figlio d’arte, se così possiamo dire. È figlio infatti di Daniele Capuana, che tra gli altri incarichi istituzionali è anche attuale consulente dell’Assessore Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità Marco Falcone. «Credo – dice Pier Capuana – che nell’era contemporanea un Sindaco che scelga di investire sui giovani ha una lungimiranza, una prospettiva diversa.

Il Sindaco ha scelto oggi di investire e non domani. Un atto da prendere d’esempio. Mi sento di dover essere al servizio di tutti, mi sento di dover portare qualcosa che sia la novità, la creatività, la gioventù, aria di freschezza.  Fra dieci anni vorrei rimanere giovane di mentalità. Giovane significa ragionare sul futuro, muoversi nel presente con l’ottica di fare meglio di ieri».

 

 

(369)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.