Disastro ferroviario di Rometta, i cittadini pianteranno un ulivo per il 14esimo anniversario

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Ricorre oggi il 14esimo anniversario del disastro ferroviario di Rometta Marea. Alle 19 del 20 luglio 2002, il treno espresso “Freccia della Laguna” Palermo – Venezia deragliò nei pressi della stazione di Rometta causando otto morti e cinquantasette feriti.

A provocare il disastro le precarie condizioni dell’armamento dei binari, anomalia segnalata più volte dai macchinisti in transito. Dopo un mese iniziarono le indagini: con l’iscrizione sul registro degli indagati, da parte della Procura della Repubblica di Messina, del titolare dell’impresa che gestiva la manutenzione della linea e di tre tecnici delle ferrovie che controllarono i lavori. Nel frattempo, i rottami del convoglio furono sistemati a pochi metri dalla linea ferrata, nei pressi di un cavalcavia dell’autostrada e rimossi soltanto poche settimane fa.

Persero la vita il macchinista Saverio Nania e i viaggiatori Ali Abdelhakim, Hanja Abdelhakim , Miloudi Abdelhakim , Fatima Fauhreddine , Placido Caruso , Stefano La Malfa , Giuseppina Mammana.

Questo pomeriggio i cittadini del Meetup Amici di Beppe Grillo città di Messina pianteranno un ulivo nella villa comunale (Via Giovanni Verga – Rometta Marea), dove sorge la lapide in ricordo delle vittime, adiacente il punto in cui è avvenuta la tragedia. “Il recente incidente ferroviario in Puglia – spiega il movimento – ha prepotentemente riportato alla nostra memoria le immagini di quella maledetta sera del 2002, il dolore delle vite spezzate e dei corpi straziati. Oggi, come allora, è l’arretratezza delle infrastrutture del sud Italia la cornice di questi eventi”.

 

 

(140)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.