Dipendenti ex Provincia, CSA: “Quale futuro per loro?”

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Potrebbe esserci aria di trasferimento per i dipendenti dell’ex Provincia, ora Città Metropolitana di Messina. Questo è il timore del CSA, che ha chiesto un incontro urgente con gli assessori regionali al personale e all’economia Luisa Lantieri e Alessandro Baccei, per discutere della richiesta inviata dalla Regione agli ex enti provinciali, chiamati a fornire i dati sul personale in servizio negli Uffici Tecnici.

Il sindacato vuole vederci chiaro e proporre la soluzione della proroga per i dipendenti, unica via alternativa alla Resais S.p.a., la società incaricata ad assumere e gestire i precari siciliani.

“Due vertenze strettamente legate – dichiarano i responsabili CSA di Messina, Piero Fotia e Santino Paladino – e sulle quali si registrano ritardi che compromettono il futuro di migliaia di lavoratori. Per quanto riguarda le Ex Province , siamo aperti ad ogni scenario ma riteniamo che non si possa prescindere dalla piena condivisione delle scelte con i rappresentanti dei lavoratori, al fine di evitare disagi e penalizzazioni del personale, senza dimenticare che la Città Metropolitana dovrà affrontare con tutte le professionalità in servizio le prossime sfide della progettazione del “Masterplan” e del “Patto per Messina”.

(139)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.