Unime ottiene il miglior risultato europeo per il Progetto “FrontierCities”

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Il progetto europeo frontierCities, coordinato da Massimo Villari, docente dell’Ateneo peloritano, ha avuto il miglior risultato di tutti i 16 acceleratori di Fiware.

I revisori europei hanno riconosciuto la valenza del lavoro che vede in prima fila l’Università di Messina ed è stato stabilito che sarà adoperato come Best practice per tutti gli altri progetti nello stesso ambito.

Fi-Ware è un progetto mirato a favorire lo sviluppo attraverso il sostegno economico ad idee innovative, nell’ambito delle iniziative di finanziamento europeo a fondo perduto legate alle Smart Cities. Alle piccole e medie imprese e alle startup europee interessate a sviluppare app per la piattaforma Fi-Ware, l’Ue ha destinato direttamente almeno l’80% di un fondo di 100 milioni di euro, attraverso 16 acceleratori: frontierCities è uno di questi.
L’acceleratore frontierCities vanta un’importante presenza di soggetti italiani: l’Università di Messina appunto (che cura aspetti tecnico/scientifici), Innova Bic (a coordinamento delle attività di comunicazione), Engineering – Ingegneria Informatica Spa (la più grande società italiana di software). Gli altri partner sono importanti soggetti europei con competenze ed esperienze specifiche nel management, nello sviluppo d’impresa e nell’innovazione tecnologica: New Frontier Services (Capofila del partenariato, con sede a Bruxelles), Ebn (European Bic Network), Energap (Agenzia per l’Energia slovena) e l’Università di Surrey (United Kingdom).

(123)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.