Trasporto disabili. Recapitati i preavvisi di licenziamento ai lavoratori

trasporto disabiliSi è tenuto stamane, su richiesta della Fp Cgil, l’incontro con il Segretario Generale , il Dirigente e i funzionari del Dipartimento servizi sociali e  la cooperativa “Progetto Vita”, dopo l’annuncio da parte della cooperativa Progetto Vita  alla prosecuzione del servizio e assistenza igienico sanitarie ai ragazzi disabili che frequentano le scuole medie inferiori  di competenza della Provincia Regionale.

Il Segretario Generale della provincia, Caponnetti,  nel sostenere che l’art. 4  del  capitolato speciale di appalto, prevede che “ la durata del servizio è provvisoriamente limitata a 122 giorni lavorativi nell’anno scolastico  2014/2015”, pertanto la cooperativa è obbligata alla continuare il servizio.

Non si è fatta attendere la risposta della cooperativa che per bocca del suo Presidente, ha replicato richiamando il bando di gara , il quale,  recita espressamente che “il termine utile contrattuale per l’espletamento del servizio è fissato in 122 giorni lavorativi, salvo proroghe o riduzioni in dipendenza delle risorse finanziarie”.

“Abbiamo assistito ad un  reciproco scambio di accuse e minacce di adire le vie legali  − dichiarano Clara Crocè, segretario Generale della FpCgil e Gianluca Cangemi, responsabile del servizio Saip −, da un lato la Dirigente e il Segretario che hanno ereditato un bando di gara  predisposto da il convitato di pietra l’ing. Carditello, il vero responsabile del disagio dei lavoratori e degli utenti”.

“La cooperativa – prosegue Fp Cgil − ha chiesto alla Provincia la proroga del servizio come previsto dal bando. Mentre la provincia ha negato qualsiasi forma di proroga in quanto il budget a disposizione ancora non è esaurito come non risultano esauriti i giorni.Secondo quanto sostenuto dalla Dirigente, le risorse sono ancora disponibili in quanto  dal servizio vengono detratte le giornate di assenza”.
La FpCgil con rammarico di aver previsto tutto  afferma: “Adesso tocca alle due parti risolvere il problema”.

“Per il Sindacato − ha continuato Clara Crocè – è necessario liquidare tutti gli stipendi ai lavoratori secondo quanto prescrive il Ccnl,delle cooperative sociali e assicurare il servizio a tutti i ragazzi che devono comunque concludere l’anno scolastico. I dati forniti dalla provincia non corrispondono a  quelli forniti dalla cooperativa”.

“Secondo quest’ultima – continua − gli oneri incomprimibili sono insufficienti  per il pagamento degli stipendi dal mese di aprile in poi. Lavoratori che oggi hanno ricevuto le lettere di preavviso di licenziamento”.
“Le parti,infine – conclude Clara Crocè −, hanno deciso di aggiornare la riunione, entro lunedì, al fine di confrontare tutti i dati. Fino a lunedì il servizio dovrebbe proseguire. La FpCgil ha annunciato che manderà tutti gli atti all’autorità nazionale di vigilanza sugli appalti”.

(282)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *