Provincia, la Fp Cgil si pone domande sull’addio del ragioniere

Provincia di Messina-Stemma“C’erano una volta, anzi ci sono tutt’ora, Alice, lo Stregatto e il
Cappellaio Matto”. Scrrive così  la segretaria generale della Fp Cgil, Clara Crocè, in merito alla querelle con il presidente della Provincia, Nanni Ricevuto, con il quale ha ingaggiato un botta e risposta sulle vicende che riguardano l’ente di via Cavour, “che più che essere chiamato Palazzo dei Leoni- scrive Crocè- dovrebbe essere chiamato, appunto, il Palazzo delle
Meraviglie” ”. L’ultimo riferimento della FPCGIL riguarda l’episodio- che dichiara avere appreso  “come sempre
 a mezzo stampa”, delle dimissioni del ragioniere generale, Antonino
Calabrò, “per la cui sostituzione Ricevuto – prosegue la sindacalista-ha già emesso un bando di selezione, per l’assunzione a tempo determinato, di un dirigente dell’area economico finanziaria. Leggendo la notizia – commenta la Crocè – è come se fossimo stati invitati a prendere del tè seduti al tavolo del cappellaio matto: in questo caso, però a girare alla rinfusa, non sono le tazze di tè ma i volti di coloro che devono andare a riempire posti rimasti vuoti”. La metafora- fantasia della segretaria generale e per evidenziare quelle che vengono definite le “stranezze” del presidente in carica, procede col porre una serie di altrettanto folli interrogativi: “Se l’avvocato Calabrò non è mai stato nominato ragioniere generale, da quale incarico si dimette? E’ forse
andato in quiescenza o la quiescenza è andata da Calabrò? Può un dirigente dimettersi dall’incarico di titolarità di struttura dirigenziale o è la struttura dirigenziale che si dimette da Dirigente? Se l’incarico avrà un costo medio di 40 mila euro, perché non risparmiare affidandolo ad altro dirigente?” E ancora “gli obblighi sulle assunzioni valgono solo per i precari o sono le assunzioni che obbligano i precari?”. Interrogativi evidentemente al limite del paradosso, che portano la segretaria ad una conclusione apparentemente inevitabile: “Per la Fp Cgil la misura è colma. Ogni atto emanato dal Presidente Ricevuto sarà passato sotto la lente di ingrandimento. Non vorremmo
che tutto ciò fosse legato alla certificazione del patto di stabilità”.

 

(38)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *