Nuova CTA di salute mentale a Messina, i sindacati chiedono chiarezza

La costituzione di una nuova CTA convenzionata a Messina, una comunità terapeutica assistenziale per la salute mentale, secondo la Uil-Fpl e ANAAO-ASSOMED sarebbe solo un doppione di quella già presente e soprattutto superflua, a fronte di un numero più basso di richieste rispetto all’offerta disponibile.

A chiedere spiegazioni sulla la realizzazione della nuova struttura  Pippo Calapai e Mario Macrì, rispettivamente segretario generale e responsabile dell’Area Medica della Uil-Fpl e Pietro Pata, segretario regionale di ANAAO-ASSOMED, che hanno scritto una lettera al direttore generale dell’Asp Gaetano Sirna.

“Mentre da un lato si tagliano posti letto pubblici – sostengono i sindacalisti – dal’altro si favoriscono interventi molto onerosi e superflui degli imprenditori privati, specie nel campo della salute mentale”.

“Su una popolazione messinese di circa 642 mila abitanti – scrivono – gli standard residenziali psichiatrici prevedono 193 posti letto a fronte degli attuali 184. Attualmente però per tale settore non ci sono liste d’attesa, anzi sono presenti oltre 20 posti letto liberi che potrebbero essere utilizzati all’occorrenza”.

Uil-Fpl e ANAAO-ASSOMED si chiedono dunque per quale motivo sia stata approvata la costituzione di una nuova Cta a Messina che comporterà un esborso di spesa pari a 1,4 milioni di euro all’anno. “Perché tutta questa fretta – chiedono i sindacati – da parte dell’Assessore regionale alla Salute e dell’Asp di Messina per l’apertura di un’altra  Cta convenzionata? Non sarebbe il caso di autorizzare la realizzazione di strutture residenziali per soggetti con altri disturbi, invece di creare dei doppioni?”.

(160)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *