autobus notturno

L’Atm va verso lo sciopero. I sindacati: “Nessuna certezza dalla Regione sugli stipendi”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

autobus notturnoNessuna garanzia sul pagamento degli stipendi fermi ad agosto nonostante la notizia dello sblocco di risorse regionali. Lo comunicano in una nota i sindacati Orsa, Ugl, Cub e Faisa che hanno segnalato come si sono chiuse oggi negativamente le procedure di raffreddamento e che l’azione di sciopero dipenderà’ dall’esito dell’assemblea programmata per il prossimo martedì. 
 
 Nella nota dei sindacati si legge: “Accogliamo con favore la notizia dell’accordo che sarebbe stato sottoscritto tra Regione e Atm per il tanto atteso sblocco dei contributi chilometrici regionali per gli anni 2012/13, e la riteniamo anche un risultato delle lotte e delle denunce di questo sindacato – tuttavia resta ancora da definire l’uso che si intende fare di tali risorse ed i tempi in cui queste giungeranno nelle disponibilità’ reali dell’azienda” –  dichiarano I segretari di Ugl OrSA Cub Faisa ” 
 
Nell’incontro odierno, propedeutico alla procedura di sciopero proclamato dalle sigle Orsa Ugl Cub Faisa , nessuna garanzia e’ stata fornita dai vertici aziendali sul pagamento degli stipendi arretrati fermi alla mensilità’ di agosto , nonostante sia stata data informativa sull’accordo che vedrebbe nel biennio 2012/13 la disponibilità’ della Regione a saldare ad Atm 4 milioni di euro per i contributi chilometrici dovuti. 
” Al contrario ad oggi l’unico dato certo – dichiara Michele Barresi segretario Orsa – e’ la mancata firma della delibera del dodicesimo di novembre , ancora inspiegabilmente ferma alla ragioneria comunale mentre nessuna garanzia, nonostante le richieste sindacali, e’ stata fornita circa l’impiego di tali risorse regionali per il saldo degli stipendi ai dipendenti. “
Invitiamo l’amministrazione , continuano Orsa Ugl Cub Faisa , al confronto con i dipendenti intervenendo all’assemblea programmata per il prossimo martedi 19 novembre , spiegando come e quando saranno disponibili i 4 milioni promessi dalla Regione e quali programmi siano in cantiere per risanare l’azienda – Il sindacato continua a chiedere certezza del saldo di tutte le mensilità’ arretrate ed una seria riorganizzazione della forza lavoro – dagli esiti di tale confronto ci riserveremo di proclamare o meno lo sciopero del comparto già programmato e ogni eventuale futura azione di protesta.”

(51)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.