Ex Ulp. FpCgil: “No al trasferimento al Papardo”

fpcgilNon è stata ben accolta da FpCgil la decisione del trasferimento, in zona Papardo, degli uffici della Direzione Territoriale del lavoro e del Servizio XIV centro per l’impiego.

È dura la presa di posizione del sindacato contro la decisione di spostare gli Uffici ne “Il grande incubatore di imprese progettato da Sviluppo Italia”.

“Una decisione a dir poco inopportuna che – afferma FpCgil -, considerando la nuova location dell’Ufficio provinciale del lavoro e dell’Ispettorato del Lavoro, gli spazi ricadenti nell’incubatore in zona Papardo, dunque molto lontano dal centro città, rischia di danneggiare non poco l’utenza”.

“Una scelta non opportuna anche perché non discussa con le organizzazioni sindacali. Critichiamo fortemente l’atteggiamento assunto dal direttore dell’ufficio provinciale del lavoro, Gaetano Sciacca, il cui operato non può non far balzare sulla sedia”: questo il commento della segretaria della Funzione pubblica della Cgil, Clara Crocè e di Rosa Raffa coordinatrice del comparto regione, rispetto alla notizia pubblicata negli ultimi giorni in merito al trasferimento, in contrada Papardo, del Servizio XIV Centro per l’impiego di Messina (ex UPL).

“L’amministrazione centrale nell’adottare tale decisione – affermano Crocé e Raffa – dimentica forse quanto complicato sia poter raggiungere la zona nord considerando i mezzi pubblici a dir poco inesistenti. Si tratta di un ufficio che, proprio per le delicate pratiche di cui si occupa, dovrebbe essere a portata di cittadino e non certo lontano chilometri dal centro”.

Ecco perché, – conclude FpCgil -, manifestiamo assoluta opposizione alla linea assunta da Sciacca, rispetto al quale prendiamo le distanze. Chiediamo al dirigente generale del Dipartimento lavoro, di porre in essere immediatamente tutti gli atti e provvedimenti  per fermare un’operazione che rischia solo di creare problemi. Nel caso in cui ciò non avverrà ci riserviamo di ricorrere a tutti gli strumenti in nostro possesso per bloccare il trasferimento”.

(191)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *