Domani banche chiuse anche a Messina. Dopo 13 anni scioperano gli operatori

bancomatDomani, giovedì  31ottobre, dopo 13 anni i bancari tornano a scioperare unitariamente contro la disdetta da parte dell’ABI, l’Associazione Bancaria Italiana, del Contratto nazionale e contro un modello di banca sempre più distante dai bisogni delle persone e dalle esigenze del territorio.

Lo ricordano le federazioni di categoria e i sindacati autonomi, Dircredito, Fabi, Fiba Cisl, Fisac Cgil, Sinfub, Ugl e Uilca Uil, dopo la partecipata assemblea di giovedì scorso durante la quale sono stati discussi i temi della protesta.

In occasione dello sciopero, le Organizzazioni sindacali organizzeranno volantinaggi davanti le sedi di alcune banche cittadine.

Dalle ore 10 a Piazza Cairoli avrà luogo un presidio con volantinaggio alla cittadinanza.

I lavoratori bancari protestano per la recente decisione ABI, che ha disdettato anticipatamente il contratto e minaccia di ridurre ulteriormente l’occupazione, chiudere filiali, precarizzare il lavoro prefigurando un modello di banca sempre più distante dai bisogni della clientela e dalle esigenze del  territorio.

Negli ultimi 10 anni a Messina, ricordano i sindacati di settore,  nel settore bancario si sono persi centinaia di  posti di lavoro e sia in città che in provincia sono stati chiusi numerosi sportelli con gravi disagi soprattutto per i residenti  nei comuni più piccoli.

Domani, quindi  banche chiuse e sciopero degli addetti a Messina e nel resto d’Italia.

(39)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *