Cub: «Altri 3 giorni di sciopero degli addetti al pedaggio autostradale: 17, 18 e 19 agosto»

caselloAncora in protesta il personale addetto al pedaggio nei caselli autostradali. Ieri, all’assemblea dei lavoratori è seguito che agli scioperi del 23 e 30 luglio si aggiungeranno quelli del 17, 18 e 19 agosto prossimi. La Cub Trasporti «nel registrare l’irresponsabile indifferenza e la grave noncuranza dell’amministrazione — scrive in un comunicato — nel non essersi attivata al fine di garantire le condizioni minime di sicurezza (precettate peraltro al Cas dalla Commissione di Garanzia sullo Sciopero) durante l’adesione totale allo sciopero in quelle barriere (e.s.: Messina Tremestieri) risultate abbandonate e prive della necessaria assistenza, nonostante il personale addetto fosse stato esentato (e non per caso) dalla protesta. A fronte del testimoniato atteggiamento di chiusura e non-dialogo con i lavoratori da parte dei vertici Cas, chiede al suo Legale rappresentante, Rosario Faraci, l’immediata emanazione dell’atto di delibera del C.d.A. del Cas circa la risoluta affermazione dell’applicazione del Ccnl quale unico rapporto contrattuale previsto nonché applicato in tutto il territorio nazionale da tutte le Concessionarie Autostradali».

«Fino a quando il Cas — prosegue la nota — non si sarà attivato dall’appropriarsi del pertinente ruolo, non riconoscendo e/o smettendo di servirsi di sindacati di comodo o c.d. gialli (vietati dalla legge 300/70), dando interlocuzione alla legittima rappresentanza e rappresentatività sindacale dei lavoratori che ne hanno liberamente dato il mandato per l’apertura di un tavolo negoziale che affronti la materia oggetto della vertenza in atto; metteremo in essere con tutte le forme e le azioni di lotta necessarie per il riscatto dell’applicazione delle condizioni contrattuali spettanti e fino la restituzione del maltolto».

Questi i motivi della vertenza: La sistematica elusione del confronto sindacale; la richiesta di deliberazione immediata del C.d.A del Cas che sancisca in forma inequivocabile che l’unico contratto applicabile è quello già in essere, cioè il Ccnl di Autostrade e Trafori; il pagamento degli arretrati ad oggi non corrisposti al personale, contrariamente a quanto avviene a tutti gli altri lavoratori del resto del territorio nazionale.

Lo sciopero di tre giornate interesserà l’intero turno e tutto il personale amministrativo e turnista addetto all’esazione dei pedaggi in servizio nelle tratte autostradali A18 (Messina-Catania, Siracusa-Gela) e A20 (Messina- Palermo), con previsto Sit-in sui posti di lavoro e nella sede legale di C/da Scoppo. Se non si dovesse giungere a una positiva della vertenza, la Cub avvisa che verranno messe in campo ulteriori iniziative di protesta, «se necessario, a oltranza». Dall’astensione viene escluso, come per le due giornate di luglio, il personale addetto alla sicurezza e/o il recupero veicoli incidentati. 

(61)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *