Città del Ragazzo. Cisl: “In 6 rischiano il licenziamento. Un pezzo di storia da salvare”

cisl palermoSei lavoratori della Fondazione “Città del Ragazzo” rischiano il licenziamento a causa della riduzione degli ospiti della casa di riposo e alla conseguente mancanza di liquidità. Ma sembra aprirsi uno spiraglio di speranza: domani si terrà un secondo incontro dopo il primo, esplorativo, al quale ha preso parte la rappresentanza della Cisl Funzione Pubblica con il responsabile del dipartimento dei Servizi Sociali Rosario Contestabile e il dirigente sindacale Orazio Triglia.

Sono 22, in totale, gli operatori in servizio nella struttura per i quali si è ritenuto di aprire la fase di esame congiunto ai sensi della legge 223 per ipotizzare soluzioni alternative.

«L’interesse della Cisl – come dichiarato dal responsabile del dipartimento, Contestabile – è quello di trovare un’intesa che possa mantenere i livelli occupazionali, senza dar luogo a licenziamenti, ipotizzando un accordo di solidarietà con una riduzione oraria che non arrechi danno ai servizi e ai dipendenti».

L’impegno assunto dall’Ente “Città del Ragazzo” dovrà essere quello di trovare un percorso di rilancio per riportare la Casa di riposo a regime e quindi recuperare la riduzione oraria nel tempo.

Si tratta, spiega il sindacato, di un accordo sperimentale di un anno che comunque deve garantire pienamente i lavoratori soprattutto nella puntualità dei pagamenti e nel possibile utilizzo per attività aggiuntive che possano integrare le spettanze retributive.

Su queste basi la Cisl, con i suoi rappresentanti, si è detta disponibile al confronto e pronta a sostenere quelle altre iniziative in favore della Fondazione “Città del Ragazzo” che come altre strutture socio–assistenziali rappresenta un pezzo di storia che non può essere disperso.

«Naturalmente – dichiara il segretario della Cisl Funzione Pubblica Calogero Emanuele – ogni ulteriore valutazione sarà fatta con i lavoratori interessati che incontreremo prima della prossima riunione».

(119)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *