Cisl e Uil al Prefetto: «I dipendenti Teseos e Rigenera in attesa di 4 mensilità arretrate»

cisluilCisl e Uil chiedono l’intervento del Prefetto per i ritardi nei pagamenti delle spettanze dei lavoratori della riabilitazione delle cooperative Teseos e Rigenera. Agli stipendi si aggiunge anche il mancato riordino del sistema riabilitativo — dichiarano Emanuele e Calapai — che, malgrado gli impegni assunti dall’Assessore Regionale alla Salute, Lucia Borsellino, ancora non è stato realizzato mentre invece «la normativa vigente da un lato impone la ridefinizione dell’assetto societario e dall’altro la necessità di accreditamento della Società per garantire servizi e forza lavoro in essere». «Purtroppo — continuano Emanuele e Calapai —, i ritardi delle rimesse da parte di Asp e Ssr, vengono ingiustificatamente accentuate da parte delle Cooperative che non rispettano ogni obbligo e impegno assunto nei confronti del sindacato e dei lavoratori. Le funzioni pubbliche di Cisl e Uil, non intendono stare fermi, proprio perché non è tollerabile che ad oggi i lavoratori vantino le mensilità di ottobre, novembre, dicembre, gennaio e il maturando mese di Febbraio». «Le cooperative — concludono Emanuele e Calapai —, devono procedere al pagamento delle spettanze dovute ai lavoratori e l’Azienda Sanitaria, la Società di Riabilitazione e il Prefetto, devono assumere ogni iniziativa utile per la regolarizzazione dei pagamenti, per evitare di attivare le procedure di tutela dei lavoratori, compreso la convocazione di un tavolo prefettizio».

(43)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *