Assistenza e trasporto disabili. Sindacati critici contro i tagli del personale

trasportodisabili1Riparte oggi il servizio di trasporto e assistenza disabili nelle scuole superiori di Messina e provincia. A gestirlo sarà la cooperativa Genesi che si è aggiudicata quattro dei cinque bandi pubblicati da Palazzo dei Leoni.  Ma i sindacati si sollevano contro le modalità con cui la Provincia ha “confezionato” il bando «che così come è stato previsto — spiegano — causerà 45 esuberi». La Fp Cgil e la Ugl hanno espresso grande preoccupazione al termine dell’incontro con la cooperativa Genesi, vincitrice dell’appalto assegnato dalla Provincia.

«Siamo pronti a mettere in atto tutte le necessarie iniziative di mobilitazione. Un servizio così importante come quello del trasporto e dell’assistenza igienico sanitaria dei disabili nelle scuole superiori di Messina  e provincia — hanno dichiarato le due sigle sindacali —, merita di essere garantito nel miglior modo possibile. Tutto ciò, invece, rischia di non avvenire più».

Fp Cgil e Ugl pronti a garantire i diritti di utenti e lavoratori  temono per la perdita di posti di lavoro e per la qualità del servizi. «Questo il numero complessivo dei tagli tra assistenti ed accompagnatori — spiegano — chiamati a prestare servizio nelle cinque zone in cui il territorio è stato suddiviso: Messina (50 in organico, 23 esuberi: 8 autisti, 8 accompagnatori, 7 assistenti); Barcellona (30 in organico, 9 esuberi:1 autista, 3 accompagnatori, 5 assistenti); Milazzo (25 in organico, 4 esuberi: 1 autista, 3 accompagnatori); Furci (16 in organico, 2 esuberi:1 autista, 3 accompagnatori); Caronia (26 in organico, 7 esuberi: 2 accompagnatori, 5 assistenti). Se prima gli operatori erano in totale 147, da adesso in poi, o almeno per i prossimi due mesi (tempo di durata dell’appalto), sarà di 102 unità». A essere criticato anche i costi del lavoro di chi offre la prestazione: «da un rapido conto appare chiaro come il servizio reso dagli operatori sia sottopagato».

I sindacati prendono come riferimento le  tabelle ministeriali che prevedono 12 e 13 euro l’ora, rispettivamente, per autisti e assistenti. «Nel bando della provincia, invece — proseguono —, il costo orario è pari a 7 euro (per la precisione 6.99 euro), dunque meno della metà. Una cifra inaccettabile. Inoltre – continuano Fp Cgil e Ugl – ogni cinque autisti vengono previsti solo due assistenti, il che significa che in alcuni pulmini utilizzati per il trasporto, potrebbe anche non esserci assistenza per i disabili».

A tutto ciò si aggiunge anche che, secondo quanto previsto dal nuovo bando,  il lavoratore verrà pagato “a prestazione”: quindi solo se l’utente sarà presente scuola. Nessuna garanzia, dunque, per i dipendenti.

Durante l’incontro tenutosi con la Genesi, i sindacati hanno avuto assicurazione che, pur non essendo previsto nel bando, la cooperativa farà tuttavia il possibile i livelli occupazionali.  «Ciò che ci interessa capire — concludono — è come la Provincia intende comportarsi al termine di questi due mesi di servizio. Di certo non stare con le mani in mano a guardare decine di lavoratori costretti al palo e  altrettanti disabili messi nelle condizioni di non poter adeguatamente usufruire del servizio necessario. Una cosa è sicura: qualsiasi sia la strada che Palazzo dei Leoni intende seguire, netta sarà la nostra opposizione al sistema di voucher».

(44)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *