Rieccoci!

di Patrizia Vita

 

EditorialeUn minuto per presentare il nuovo Normanno, un minuto per tracciare non la biografia di un giornale che chiude, ma, con grande sollievo, di un giornale che si rinnova. Normanno è nato nel 2002, la prima testata on line messinese con l’ambizioso obiettivo di scardinare l’abitudine del lettore a conoscere i fatti cittadini solo su carta stampata. A Messina esisteva già un giornale on line, ma si limitava ad immettere in rete opinioni, letture di eventi, non si occupava di cronaca cittadina, non raccontava il quotidiano. Fu quindi Normanno, il primo ad offrire l’informazione ad ampio raggio, il primo ad “educare” il cittadino messinese a conoscere fatti ed eventi in tempo reale sul web.

Al tempo non erano in molti a credere nella sua possibilità di successo, ed io stessa, che l’ho diretto fino all’aprile del 2009, ho tutt’oggi presenti quali e quante siano state le difficoltà, così come ho presente il giornale attivo, apprezzato per la correttezza e la puntualità dell’informazione che ho lasciato tre anni fa e al quale torno adesso, in quello che per Normanno è un momento di rinnovamento, di forma e di sostanza. Sarò affiancata da capaci giornalisti, da professionisti della grafica, da esperti del settore pubblicità, da chi ha ritenuto che spegnere una voce come Normanno potesse essere l’ennesima mortificazione per una difficile città come Messina. A distanza di dieci anni l’ambizioso obiettivo è diventato un altro, la città è un’altra, e accenna già a trasformarsi ulteriormente; così, se prima si trattava di abituare il cittadino messinese all’informazione on line, adesso si tratta di dare stimoli, strumenti, spazi di partecipazione e condivisione per seguire da vicino i mutamenti della città.

Dieci anni fanno di Normanno un quotidiano “giovane”, ma in una città complicata come Messina, dieci anni sono abbastanza per ritenere che l’offerta di informazione puntuale, corretta e sobria sia più che mai utile.

Continuate a seguirci. Buona lettura! 

Patrizia Vita

(63)

Categorie

Editoriale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *