Messina messa incinta e sbattuta in strada

Pubblicato il alle

1' min di lettura

L’assessore al Bilancio Luca Eller Vainicher, per meglio far capire in quali ambasce si trovi il Comune di Messina, ieri in conferenza stampa ha detto: “ In questo momento è come avessimo una donna incinta travolta da un’auto e dobbiamo salvare sia lei che il bambino”.

Gran bella metafora, assessore, specie perchè perfettamente attinente alla ‘gravida’ Messina. Rende infatti nei tempi di una gestazione rapida ( 7 mesi, quelli trascorsi da quando il bilancio doveva essere presentato); nel travaglio ( il pupo non vuole nascere); nella sofferenza dei parenti stretti ( dipendenti comunali, di cooperative e vari); in quella del marito ( la città tutta); nel rischio che il pupo nasca pure malformato.

Ma, per dirla tutta e in linea con Eller, va detto che “non è che Messina volesse proprio essere messa incinta”. Bastava un sano rapporto, fatto di amore, passione, buone intenzioni e serena convivenza. Insieme, Messina e la giunta Accorinti, avrebbero potuto gestire un bella relazione.

Certamente non sarebbero mancati gli screzi iniziali, i battibecchi, come nelle migliori famiglie, ma poi tutto sarebbe scorso nel nome dell’amore, quello promesso 3 anni fa e sinora non mantenuto.

Invece no: l’hanno ‘messa incinta’ e dopo 7 mesi l’hanno pure sbattuta su una strada, dove è stata centrata da un’auto. Ora vogliono salvare Lei e il bambino.
Non si fa accussì.

Patrizia Vita

(4639)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.