fattura elettronica

Fattura elettronica. Presentata questa mattina al Palazzo camerale

Pubblicato il alle

3' min di lettura

fattura elettronicaSemplificazione, risparmio, celerità. Sono solo alcuni dei vantaggi che l’utilizzo della fatturazione elettronica porterà alle piccole e medie imprese, che dal 31  marzo 2015 avranno l’obbligo di utilizzarla in caso di fornitura di beni e servizi a tutta la Pubblica amministrazione. Si tratta di un obbligo di legge che cambierà radicalmente i rapporti tra Pubblica amministrazione e fornitori, consentendo al sistema Paese di crescere in consapevolezza e controllo della spesa pubblica e alle piccole e medie imprese di scoprire l’efficienza del digitale, la semplicità della procedura e di risparmiare una cifra media annua che l’Agenzia per l’Italia digitale stima in circa 500 euro.

Al fine di presentare agli operatori economici questa innovazione, oggi al Palazzo camerale – e in altre cento Camere di commercio d’Italia – si è svolto il “Digital Day – Focus sulla Fatturazione elettronica”, in collaborazione con l’Agid (Agenzia per l’Italia digitale della presidenza del Consiglio dei ministri), la rete dei Digital champions italiani, Unioncamere e Infocamere.

«Le Camere di commercio hanno scommesso sull’informatica e sul digitale già dagli anni Ottanta – afferma il segretario generale dell’Ente camerale, Alfio Pagliaro – si pensi che la legge 580 del 1992, all’art. 8, osserva che “il Registro imprese è tenuto con tecniche informatiche”. La fatturazione elettronica consentirà un’attività di monitoraggio e di controllo della finanza pubblica e, al contempo, permetterà alle piccole e medie imprese di scoprire l’efficienza del digitale».

All’incontro informativo, hanno preso parte il digital champion, Antonino Galante, che ha illustrato gli aspetti normativi della fatturazione elettronica e il responsabile dell’area Sicilia e Calabria di Infocamere, Salvo Giustiniani.

«L’introduzione della fatturazione elettronica è solo l’ultima di una serie di innovazione virtuose che ha visto protagoniste le Camere di commercio – dichiara Giustiniani – basti pensare al Registro imprese totalmente telematico, all’introduzione della firma digitale, al Suap e a Comunica che ha messo in comunicazione Agenzia delle entrate, Inail, Inps e Enti camerali».

Giustiniani ha, poi, illustrato il servizio di fatturazione elettronica espressamente dedicato alle piccole e medie imprese iscritte alle Camere di commercio che abbiano rapporti di fornitura con le Pubbliche amministrazioni. Si tratta di una applicazione semplice e gratuita, accessibile dal sito della Camera di commercio di Messina (www.me.camcom.it), messa a disposizione dal sistema camerale, in collaborazione con l’Agid, Unioncamere e Infocamere.

Al servizio si accede tramite la Carta nazionale dei servizi (Cns), consentendo la compilazione del documento contabile (fino a 24 per anno), l’individuazione della Pubblica amministrazione destinataria, la firma digitale, l’invio e la relativa conservazione a norma.

Ad oggi, sono 99 le imprese del Messinese – per un totale di 274 fatture elettroniche emesse – che hanno aderito al servizio base di fatturazione elettronica.   

(274)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.