carabinieri notte

Spaccio di cocaina a Camaro Superiore: tre arresti per droga a Messina

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Fitta rete di confezionamento e spaccio di droga a Camaro Superiore: tre gli arresti da parte dei Carabinieri della Compagnia di Messina Centro. L’attività investigativa svolta dalle forze dell’ordine ha documentato numerose cessioni di cocaina e avrebbe fatto emergere anche casi di estorsione. Il report. 

I Carabinieri della Compagnia di Messina Centro hanno arrestato tre persone già note alle Forze dell’Ordine, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Messina, poiché indagate dei reati di spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione aggravata.

Dall’indagine condotta dai Carabinieri sotto la direzione della Procura della Repubblica di Messina, sarebbe emerso che i tre soggetti avrebbero messo in atto una fitta rete volta al confezionamento e allo spaccio di cocaina nel Rione di Camaro Superiore. In particolare, I’attività investigativa ha documentato numerose cessioni, con frequenza continua e quotidiana, di dosi di cocaina, che, custodita nell’abitazione di uno degli indagati, sarebbe stata smerciata a diversi tossicodipendenti. Sarebbero state inoltre poste in essere ulteriori condotte, volte al supporto allo spaccio degli stupefacenti, come il controllo e la sorveglianza della zona e l’avviso al pusher al momento del passaggio di pattuglie delle Forze dell’Ordine.

In tale contesto, sarebbero emerse anche dinamiche estorsive correlate all’attività di spaccio, da parte di uno dei tre indagati. Quest’ultimo, infatti, a più riprese, avrebbe minacciato un acquirente tossicodipendente, prospettandogli azioni violente nel caso in cui non gli fosse stata corrisposta la somma di denaro derivante dalla cessione di svariate dosi di sostanze stupefacenti non pagate.

L’attività rientra nella costante azione di contrasto al traffico, allo spaccio e all’assunzione di sostanze stupefacenti, condotta dai Carabinieri e dalle altre Forze di Polizia, attraverso lo svolgimento di attività investigative, servizi di prevenzione e controllo del territorio delle aree più esposte al fenomeno.

Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e per gli indagati vale il principio di non colpevolezza sino alla sentenza definitiva, ai sensi dell’art.27 della Costituzione. Ad esito delle operazioni, un indagato è stato posto agli arresti domiciliari, mentre gli altri due sono stati ristretti in carcere.

FONTE: Legione Carabinieri Sicilia – Comando Provinciale di Messina

(220)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.