Nasconde la droga sotto il lavandino della cucina: arrestato 34enne nel messinese

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Ventitré grammi di marijuana, confezionati e nascosti in una scatola sotto il lavandino della cucina: questo quanto ritrovato dai Carabinieri nel corso della perquisizione domiciliare nei confronti di un 34enne della provincia di Messina. Ad insospettirli era stato il continuo via vai nei pressi dell’abitazione dell’uomo, poi arrestato per droga.

Nella giornata di ieri, nel corso dei servizi finalizzati a contrastare il traffico di sostanze stupefacenti, i Carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno arrestato, in flagranza di reato, il 34enne D.S., già noto alle forze dell’ordine, ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nei giorni scorsi, nel corso dei servizi di controllo del territorio, i Carabinieri della Stazione di San Filippo del Mela hanno notato un eccessivo ed ingiustificato via vai di persone nei pressi dell’abitazione dell’uomo. Pertanto, nella serata di ieri i militari dell’Arma, ritenendo che all’interno dell’abitazione dell’uomo potesse essere detenuta della sostanza stupefacente, hanno effettuato una perquisizione domiciliare, all’esito della quale sono stati rinvenuti un sacchetto trasparente e tre involucri in cellophane, contenenti complessivi 23 grammi di marijuana, occultati in una scatola sotto il lavandino in cucina, unitamente ad un bilancino di precisione ed un trita-erba.

La sostanza stupefacente, inviata presso Reparto Investigazioni Scientifiche dei Carabinieri Messina per le analisi di laboratorio, il bilancino di precisione ed il trita-erba sono stati sequestrati e l’uomo è stato arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, su disposizione del magistrato di turno della Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, è stato ristretto agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con il rito per direttissimo.

FONTE: Legione Carabinieri Sicilia – Comando Provinciale di Messina

(402)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.